Più vaccini e revisione di Rt. Ecco le richieste delle Regioni al Governo

Più vaccini e revisione di Rt. Ecco le richieste delle Regioni al Governo
L'HuffPost INTERNO

Queste le richieste principali previste all’interno del documento “inviatomi dalle Regioni” e che “domani, al Consiglio dei ministri, porterò all’attenzione del Governo”.

È necessario, inoltre, condividere maggiormente i provvedimenti e garantire sempre i risarcimenti sia nel caso di provvedimenti restrittivi di livello nazionale che regionale.

Più vaccini e revisione del parametri per la definizione dei colori. (L'HuffPost)

Su altre fonti

Nuovo decreto Covid, Gelmini: proroga stop spostamenti di 30 giorni. Lo stop allo spostamento tra regioni non riguarda, si ricorda, il personale scolastico in servizio fuori dalla regione di residenza. (Orizzonte Scuola)

Oggi il consiglio dei ministri per i nuovi divieti: prorogato lo stop agli spostamenti. Ieri summit tra governatori, Roberto Speranza e Maria Stella Gelmini. I presidenti: «Rivedere i parametri».Niente più dpcm dell'ultimo minuto e indiscrezioni su divieti e restrizioni da dare in pasto alla stampa (La Verità)

Secondo quanto si apprende, questi ultimi hanno dato un sostanziale ok alla proroga della mobilità tra Regioni per altri 30 giorni, che sarà domani decisa dal Consiglio dei ministri. E’ questa, secondo Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, la richiesta principale che dai territori arriva al governo. (Corriere della Calabria)

Governo-Regioni: no allarmismi, ma con varianti le restrizioni sono indispensabili

Si è concluso questa sera, domenica 21 febbraio, il vertice in videoconferenza tra i ministri Speranza e Gelmini e i governatori, secondo quanto si apprende. Lo ha affermato il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga a commento dell’esito del vertice Governo-Regioni sulle misure anticovid (Nordest24.it)

Il Governo ha confermato le deroghe già previste: si può uscire dalla Regione soltanto per motivi di salute, comprovate esigenze di lavoro, casi di necessità e rientro al domicilio. Al termine del Consiglio dei ministri è stato firmato il decreto, il primo atto legislativo dell’esecutivo guidato da Mario Draghi. (vistanet)

"Domani, al Consiglio dei ministri, porterò il documento inviatomi dalle Regioni all'attenzione del governo". Occorre, in ogni caso, implementare le forme di congedo parentale, nonché prevedere ulteriori risorse economiche a sostegno dei genitori, nel caso di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per aggravamento della situazione epidemiologica (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr