Barcellona, il Cutroni Zodda diventerà centro per l’uso di anticorpi monoclonali

Barcellona, il Cutroni Zodda diventerà centro per l’uso di anticorpi monoclonali
24live.it SALUTE

L’Ospedale di Barcellona diventerà centro autorizzato per l’uso degli anticorpi monoclonali, l’ultima frontiera nelle terapie per combattere il Covid-19 e, secondo le più recenti ricerche scientifiche, anche le varianti.

È stato riscontrato il massimo impegno da parte dei chirurghi e altri specialisti ospedalieri che si stanno dedicando quotidianamente alle vaccinazioni di massa al fine di accelerare le somministrazioni nel Comune barcellonese, il più popoloso della provincia di Messina con circa 40.000 abitanti, e nell’area di competenza

Una mole di lavoro enorme che ora sarà ulteriormente migliorata grazie all’arrivo della nuova macchina che si aggiunge a quelle già presenti nella laboratorio di Biologia molecolare diretto da Antonello Calabró. (24live.it)

Ne parlano anche altri media

E in effetti, nonostante i ripetuti appelli ai medici le terapie finora somministrate in tutta la Sicilia orientale - una cinquantina - sono troppo poche rispetto alle 500 dosi nei frigoriferi. uello che sta avvenendo con la somministrazione degli anticorpi monoclonali in Sicilia è paradossale per non usare altri aggettivi più pesanti. (La Sicilia)

I centri che possono farlo sull’Isola sono in tutto 27, cui presto si aggiungerà l’Ospedale “Cutroni Zodda” di Barcellona Pozzo di Gotto, dove si è recato stamattina il commissario ad acta per l’Emergenza Covid di Messina, Alberto Firenze. (Normanno.com)

Roma, 29 aprile 2021 - Entro luglio potrebbero essere messi a disposizione anticorpi monoclonali più potenti e potranno evitare ai pazienti Covid positivi di essere curati in ospedale. Tanto maggiore è la capacità di fare squadra con il territorio tanto maggiore è il successo delle terapie con i monoclonali. (LA NAZIONE)

Covid, nuovo anticorpo monoclonale contro le varianti: la molecola CoV-X2

– Su 119 pazienti trattati, 9 hanno avuto necessità di ricovero mentre tutti gli altri sono stati seguiti a domicilio, dopo l’infusione. Ad oggi tra i pazienti trattati non si è registrato alcun decesso”. (AostaSera)

Con l’obiettivo di fare il punto sui dati scientifici disponibili sino ad ora e sulle prospettive future, Motore Sanità ha organizzato l’instant Webinar ‘ANTICORPI MONOCLONALI ANTI COVID ’. (Adnkronos)

Difatti, mentre la variante indiana preoccupa anche il nostro Paese, un gruppo di ricercatori ha messo a punto una molecola denominata CoV-X2. (Inews24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr