Elezioni in Perù: Castillo aumenta il vantaggio, Fujimori denuncia brogli - L'Unione Sarda.it

Elezioni in Perù: Castillo aumenta il vantaggio, Fujimori denuncia brogli - L'Unione Sarda.it
Più informazioni:
L'Unione Sarda.it ESTERI

Ancora suspense in Perù, che aspetta il risultato delle elezioni presidenziali.

Con lo scrutinio al 96%, il candidato della sinistra radicale Pedro Castillo ha aumentato il suo vantaggio sulla populista di destra Keiko Fujimori, che da parte sua ha denunciato "indizi di frodi".

I voti delle campagne e delle zone remote della foresta amazzonica, favorevoli al candidato che rivendica le sue origini provinciali, gli hanno permesso di superare la figlia dell'ex presidente Alberto Fujimori, che ha denunciato "irregolarità" e "segnali di truffa". (L'Unione Sarda.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Il margine, è vero, resta strettissimo - 50,165% contro 49,835%, con il 94,8% dei voti scrutinati - e c'è l'incognita del voto all'estero, di cui si avranno i dati tra oggi e domani, ma per il maestro e leader sindacale che ha acceso la speranza dei ninguneados, i nessuno del Perù profondo, la vittoria sembra ora a portata di mano L'atteso sorpasso è avvenuto intorno alle 11.30 (ora locale) di ieri, dopo un'attesa lunga e snervante. (Il Manifesto)

(askanews) – Con il 40,03% delle schede scrutinate, la candidata di Fuerza popular, Keiko Fujimori, è in testa alle elezioni presidenziali in Perù. Presidenziali Perù: avanti Keiko Fujimori, spera nella vittoria. (askanews)

Ma si tratta di numeri ancora provvisori, dato che mancano soprattutto sezioni nella periferia del Paese, dove Castillo è molto votato Tendenza rovesciata un paio di ore dopo, quando le proiezioni dell’istituto Ipsos hanno ipotizzato una lievissima vittoria di Castillo (50,2%). (Servizio Informazione Religiosa)

Pedro Castillo: l'uomo del Perù invisibile

Castillo ha confermato l’impegno a garantire il rispetto della volontà del popolo peruviano, sottolineando il “coraggio espresso dagli eroi e dalle eroine della democrazia”. Mentre il sondaggio sballato dell’Università Nazionale di Ingegneria di ispirazione comunista, assegnava a Castillo una differenza di 5/10 punti percentuali (Radio RTM Modica)

Castillo è passato in testa con i voti delle aree rurali e delle comunità delle foreste. La maggior parte dei voti da contare appartengono ai residenti all’estero (La Nuova Ferrara)

L'annuncio della candidata di Fuerza Popular è arrivato quando Castillo l'ha superata di 90.000 voti, con il 94,47% delle schede scrutinate, sia dal Perù che dall'estero. Pedro Castillo, un uomo del paese invisibile, rurale, povero, con il sombrero bianco e una leadership in ascesa, potrebbe diventare il prossimo presidente. (L'AntiDiplomatico)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr