Vittoria del centrodestra nella Repubblica Ceca che sorpassa il premier uscente Babis

AGI - Agenzia Italia ESTERI

Il Partito comunista ceco è dato dai risultati dello scrutinio, ormai quasi definitivi, al 3,81%, una percentuale insufficiente a superare la soglia di sbarramento del 5%

Per la prima volta dal dopoguerra i comunisti non faranno parte del Parlamento ceco.

I risultati quasi definitivi, con oltre il 99,9% delle sezioni scrutinate, danno l'alleanza di centrodestra Insieme al 27,78%, seguita da Ano, il partito di Babis, al 27,14%. (AGI - Agenzia Italia)

Ne parlano anche altri media

L’affluenza alle urne è stata del 64,7% Invece la coalizione a tre Spolu (Insieme) formata dai Civici democratici, Top 09 e Cristiano-democratici, arrivata al 26%, dovrebbe trovare molti punti in comune con la coalizione social-liberale dei Pirati, Sindaci e Indipendenti, arrivata terza con il 14,7%. (Corriere del Ticino)

L'anziano presidente russofilo Milos Zeman vuole che Babis resti e da tempo ha dichiarato che darà il mandato al leader del primo partito e non della prima coalizione Comunisti fuori dal parlamento per la prima volta dal dopoguerra. (Sky Tg24 )

Soddisfazione è stata espressa da Petr Fiala, per il quale "queste elezioni sono una vittoria per una politica dignitosa e basata sui valori". Colpo di scena in Repubblica Ceca: a coronamento dello spoglio elettorale, il premier uscente Andrej Babis, miliardario e leader del partito conservatore, finisce al secondo posto col 27,3% per una manciata di voti. (Euronews Italiano)

Nelle elezioni legislative in Repubblica Ceca il blocco conservatore Spolu ha sconfitto per un soffio il movimento Ano 2011 dell’attuale premier Andrej Babiš. I conservatori hanno criticato gli alti deficit di bilancio degli ultimi anni, in parte causati dalla pandemia, e i conflitti d’interesse (Il Manifesto)

ndrej Babis detto Babisconi, il premier-tycoon ceco coinvolto nei Pandora Papers, in indagini della Procura Ue per conflitto d´interessi e della polizia e magistratura ceche per frode fiscale, sequestro del figlio che voleva testimoniare contro di lui e altro, voleva restare incollato al potere come i suoi amici Orbán e Kacyzsnki, ma sta uscendo dalle elezioni politiche svoltesi oggi e ieri nella Repubblica ceca come il grande sconfitto politico (la Repubblica)

Nella Repubblica ceca, il presidente conduce i colloqui con i leader del partito dopo le elezioni per trovare una maggioranza attiva. La Repubblica Ceca è sprofondata nell’incertezza dopo che il presidente Milos Zeman è stato ricoverato in ospedale il giorno dopo la sconfitta del suo alleato, il miliardario populista Andrej Babis, alle elezioni generali del paese. (La Tribuna Sammarinese)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr