Moggi: “Dopo lo scandalo Calciopoli ho pensato al suicidio”

Moggi: “Dopo lo scandalo Calciopoli ho pensato al suicidio”
Altri dettagli:
Viola News SPORT

Volevo capire cosa avevo fatto, perché non avevo idea di cosa potessero imputarmi: io parlavo con i designatori, ma parlavo come parlavano tutti, cercavamo di tutelarci

A svelarlo è l'ex direttore generale della Juventus, Luciano Moggi, nel documentario di Netflix che ripercorre la vicenda di Calciopoli, facente parte di una nuova serie della piattaforma, intitolata “Il lato oscuro dello sport”.

Televisioni, radio e giornali ripetevano costantemente ‘scandalo nel calcio eccetera’, ma io non mi sono mai approfittato di niente e di nessuno. (Viola News)

Ne parlano anche altri giornali

Televisioni, radio e giornali ripetevano costantemente ‘scandalo nel calcio eccetera’, ma io non mi sono mai approfittato di niente e di nessuno. Avevo vergogna pure a passeggiare per le strade: era come se mi fosse caduta addosso non una tegola, ma un’intera casa. (Tutto Juve)

Poi è come se fossi stato in cima a un albero e tutti fossero pronti da sotto a sparare".- "I primi dieci giorni sono stati tremendi. Quelli che hanno condotto il processo di calciopoli passeranno da un giudice diverso, non sarà una prova d’appello ma sarà determinate: Gesù Cristo, è lui il giudice supremo" (Calciomercato.com)

È come se fossi stato in cima a un albero e tutti fossero pronti da sotto a sparare. Era come se mi fosse caduta addosso non una tegola, ma un’intera casa (Milan News)

Luciano Moggi ripercorre Calciopoli: "Ho pensato anche al suicidio. Mi ha fatto male"

Se nessuna partita è stata alterata, se tutti gli arbitri sono stati assolti (tranne De Santis, ndr), qual era il danno che era stato arrecato al calcio? Luciano Moggi ripercorre Calciopoli: "Ho pensato anche al suicidio. (TUTTO mercato WEB)

Calciopoli ha sconvolto il calcio italiano e la vita di Luciano Moggi, l’ex dirigente della Juventus ripercorre i suoi giorni più bui nel documentario Netflix “The dark side of the sport”. Luciano Moggi sulla Superlega: «Il calcio non è più uno sport ma un business». (ilmessaggero.it)

Poi è come se fossi stato in cima a un albero e tutti fossero pronti da sotto a sparare”. Televisioni, radio e giornali ripetevano costantemente ‘scandalo nel calcio eccetera’, ma io non mi sono mai approfittato di niente e di nessuno. (SpazioJ)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr