"Prestiti vincolati alle riforme e niente sussidi". Il contro-piano dei nordici per il Recovery Fund

Prestiti vincolati alle riforme e niente sussidi. Il contro-piano dei nordici per il Recovery Fund
La Stampa La Stampa (Esteri)

Per questo «un forte impegno per le riforme per la politica di bilancio è essenziale per promuovere la crescita potenziale».

Niente mutualizzazione del debito, nessun aumento significativo del bilancio Ue, ma un fondo limitato nel tempo (massimo due anni) per concedere prestiti ai Paesi in difficoltà (niente sussidi a fondo perduto), in cambio di riforme e disciplina di bilancio.

Se ne è parlato anche su altri giornali

urismo, la Ue frena l'Italia: «Prima vediamo i contagi». «Una recessione così dura richiede proposte ambiziose e innovative come il Recovery Fund. Serve più coraggio il 27 maggio dalla Commissione europea», scrive su Twitter il ministro per gli Affari europei, Enzo Amendola. (Il Gazzettino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti