Telegraph - La FIFA discuterà l'ipotesi di un calciomercato aperto da luglio a gennaio

Telegraph - La FIFA discuterà l'ipotesi di un calciomercato aperto da luglio a gennaio
Milan News Milan News (Sport)

La proposta avrebbe già ricevuto molti consensi e potrebbe essere discussa presto nelle sedi ufficiali del massimo organo calcistico europeo.

I club di tutto il mondo subiranno perdite enormi a causa della sospensione dei campionati e questo minaccia non solo la sopravvivenza delle piccole società, ma anche gli affari tra le squadre più importanti.

La notizia riportata su altre testate

In un modello riportato dall’agenzia internazionale Reuters, si starebbe pensando all’estensione dei contratti di giocatori e staff fino alla fine della stagione, il cambio delle date del calciomercato e di conseguenza l’inizio della prossima stagione. (fiorentinanews.com)

Questa è la nuova ipotesi allo studio della Fifa una volta che sarà terminata l’emergenza Coronavirus. E allora il tempo per concludere operazioni di calciomercato sarebbe davvero strettissimo, di poche settimane. (JuveLive)

Vedremo cosa succederà, ma una cosa è certa: la rivoluzione è iniziata. In realtà vale anche l’opposto: con un’eventuale conclusione della stagione in anticipo il calciomercato potrebbe essere una buona soluzione per sostenere la ripresa economica delle società. (Pianeta Milan)

Non solo dubbi sulle tempistiche per la ripresa del campionato, ma anche in merito all'arco temporale volto ad accogliere il calciomercato. Una soluzione in fase di studio, il massimo organismo che regola il calcio sta lavorando in sinergia con le Federazioni per trovare le giuste date. (La Lazio Siamo Noi)

Ma va garantito il tempo che dovrà passare tra una stagione ed un'altra e questo vorrà dire che il prossimo anno calcistico, la stagione 2020/2021, sarà più corto visto che dovrà comunque finire a maggio ma rischia di partire ad ottobre. (Fantacalcio ®)

I compensi sono concordati con le società e sono parametrati al giro d'affari complessivo. Quanto alla polemica sollevata dal presidente Fifa, Gianni Infantino , sul fatto che gli agenti avrebbero troppo potere e guadagnerebbero troppo, Beppe Galli, presidente di Aiacs-Assoagenti risponde: "Gli agenti non guadagnano troppo. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti