Vincent Lindon: «Se un mio film cambia la vita anche a una sola persona tutto per me torna»

Vincent Lindon: «Se un mio film cambia la vita anche a una sola persona tutto per me torna»
Corriere della Sera CULTURA E SPETTACOLO

Al cinema Vincent Lindon interpreta ruoli di persone generose, pronte a fare tutto quello che possono e anche un po’ di più.

Forse la pensi come me, solo che non osi dirlo

«Le persone ascoltano sempre meno quel che si dice loro, allora me lo tengo per me, lo so io, mi basta.

Philippe allora deve accettare il fatto che il problema sta nel sistema.

OPPURE: “TI CAPISCO, MA SEI SEVERO”». Vincent Lindon in «Un autre monde», film presentato alla Mostra di Venezia (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altre fonti

Nel tratteggiare il processo decisionale, il film mostra come il protagonista è capace di recuperare umanità, dignità come pure un modo per ricongiungersi alla sua famiglia. Si può rintracciare dunque la mano di Dio nel modo apparentemente casuale in cui gli eventi si legano l’uno con l’altro, oppure nella maniera in cui azioni illecite trovano la giusta condanna, ma più profondamente nel modo in cui il protagonista risponde alla sua chiamata interiore nel raccontare storie di tutti i giorni attraverso il cinema, declinando amore, fede e speranza nel quotidiano” (cinematografo.it)

Un autre monde è un film classico ma al tempo stesso originale, che riesce a trovare un angolo nuovo e interessante per fare una critica sociale antica ma, purtroppo, sempre attuale Il manager di uno stabilimento si trova a dover gestire le richieste del quartier generale di licenziare il 10% dei suoi lavoratori. (NonSoloCinema)

E qui Un autre monde dà il meglio, riesce a cavare qualcosa in più rispetto agli incontri asettici ora coi capoccia, ora con chi rappresenta i lavoratori. Brizé sbircia su queste riunioni, segue le dinamiche di un carrozzone che non può essere battuto, all’interno di un ecosistema ostile. (Cineblog)

Un autre monde, la recensione | Venezia 78 | Cinema

Un conflitto che si rapprende sul volto di Vincent Lindon, interprete straordinario che rende verosimile ogni sfumatura della vita di Philippe. Le richieste sono difficili e incoerenti: come si può mantenere lo stesso livello di produttività con meno lavoratori? (ScreenWEEK - Cinema e Serie TV)

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi 4.5 Il voto al film è a cura di Simone Emiliani Sending Il voto dei lettori 5 (2 voti) Però il cinema di Brizé continua a prendere le parti di chi rischia di essere licenziato e continua a lottare tutti i giorni. (Sentieri Selvaggi)

Perché questo è esattamente un film di Brizé per come ce lo si aspetta (in positivo): costruito tantissimo sulla recitazione, con dialoghi estremamente naturali e fluidi, raccontato nell’interno degli ambienti di lavoro e con un modo di osservare il protagonista insistente, quasi a volerlo punzecchiare, alla ricerca di un (BadTaste.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr