EA vuole cambiare il nome di FIFA? La FIFA chiederebbe il doppio dei soldi per la licenza

GamingTalker SCIENZA E TECNOLOGIA

Allo stesso tempo, però, EA vorrebbe espandersi portando il brand di FIFA in tornei di videogiochi e persino prodotti come gli NFT

Inoltre, escludendo i soldi, il report rivela che la FIFA vuole limitare l’esclusività di EA in modo che possa cercare nuovi flussi di entrate per i diritti.

EA ha ancora un contratto della durata di 10 anni attivo con la FIFA che, però, scadrà dopo la Coppa del Mondo 2022. (GamingTalker)

La notizia riportata su altri media

Possibile addio a Fifa. Nei giorni scorsi, l’annuncio di Ea Sports ha sconvolto il mondo degli utenti su un possibile addio a Fifa. L’accordo decennale tra Ea e FIFA finirà quest’anno e per un prolungamento i tempi sono assai brevi (Metropolitan Magazine )

Stando al rapporto pubblicato dalla testata newyorkese, la FIFA avrebbe intenzione di addebitare un miliardo di dollari ogni quattro anni per sfruttare la sua licenza per il gioco di calcio. (iCrewPlay.com)

Sulle colonne virtuali del quotidiano statunitense leggiamo che la licenza di FIFA dovrebbe scadere l’anno prossimo, al termine dei mondiali di calcio che si svolgeranno in Qatar. (The Games Machine)

Secondo il rapporto infatti la FIFA sarebbe intenzionata ad addebitare oltre 1 miliardo di dollari ogni quattro anni ad Electronic Arts per il rinnovo, previsto nel 2022, della licenza legata al nome del gioco. (Game Legends)

Questo scontro di vedute di tipo economiche ha quindi portato EA a ipotizzare l’addio al marchio FIFA e a bloccare prontamente EA Sports FC presso gli uffici per le proprietà intellettuali di Regno Unito e Unione europea. (ZON.it)

EA Sports ha inoltre confermato che Juventus, Roma, Lazio e Atalanta non hanno la licenza ufficiale nel gioco Oltre a questo, la FIFA vorrebbe anche privare EA dell’esclusività sull’utilizzo del nome, permettendo alla federazione di concederlo anche a titoli non strettamente legati al mondo calcistico. (Gametimers)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr