Terremoto L'Aquila 2009, 12 anni da sisma che devastò Abruzzo

Terremoto L'Aquila 2009, 12 anni da sisma che devastò Abruzzo
Adnkronos INTERNO

Berlusconi annuncia inoltre che riunirà il primo Consiglio dei Ministri all'Aquila "che avrà come attività centrale il decreto Abruzzo"

L'Aquila , già devastata, è costretta ad affrontare la paura costante di un nuovo sisma e ad allontanare il ricordo di quella tragica notte.

In salvo anche una donna di 98 anni, che era già scampata al terremoto della Marsica nel 1915.

Ma quella del 6 aprile non è l'unica scossa che colpisce L'Aquila e nei due mesi successivi la terra continua a tremare. (Adnkronos)

Su altre testate

Nella notte tra il 5 e il 6 aprile 2009 una scossa di terremoto di 5.8 gradi localizzata a pochi chilometri da L’Aquila, causò 309 vittime e 1900 feriti. Il dispositivo è rimasto acceso sino alle ore 3:32, ora della devastante scossa di terremoto che fu registrata nella notte del 6 aprile 2009 (Il Fatto Quotidiano)

E in piazza Duomo un fascio di luce proiettato verso il cielo Ansa. Sia nel 2020 che nel 2021, a causa delle restrizioni per il Covid, non si è tenuta a L'Aquila la tradizionale fiaccolata in memoria delle vittime e gli eventi hanno previsto pochissime presenze. (Sky Tg24 )

La Protezione Civile aveva l’obbligo di valutare anche questo, nonostante avesse fatto studi importanti già nel 2003, l’Abruzzo Engeneering. La Protezione Civile fece riunire una serie di scienziati all’esterno della sede, dando un messaggio sbagliato: se ci sono gli scienziati, non c’è alcun pericolo (Inews24)

L’Aquila, fine della ricostruzione 12 anni dopo: una casa su 6 è ancora in macerie

Una notte che spezzò il cuore degli abruzzesi, che ogni anno rinnovano il ricordo delle vittime del sisma. Simbolo del ricordo, un piccolo omaggio floreale deposto questa mattina davanti alla palestra Centofanti-Natale dal sindaco, Francesco Menna, e dall'assessore Anna Bosco. (Zonalocale)

Dopo la cerimonia la corona di fiori è stata portata nella chiesa di San Paolo Apostolo Oltre a loro l’Amministrazione comunale ha voluto essere vicino alla dottoressa Fabiola Tamburro, vastese d’adozione, che nel terremoto del 2009 ha perso il padre Marino, la sorella Giuliana e il nipotino Stefano Antonini. (Vasto Web)

La rinascita dell'Aquila, distrutta dal sisma di dodici anni fa, è all'ultimo bivio. Dentro o fuori: chi entro il 30 settembre non presenterà la richiesta di contributo, corredata almeno dalla prima parte del progetto, o chi non completerà la domanda dopo le mille sollecitazioni, perderà i soldi per la ricostruzione. (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr