Israele-Palestina, Lapid all’Onu: “Sì a due Stati per due popoli”. Svolta o bluff?

Israele-Palestina, Lapid all’Onu: “Sì a due Stati per due popoli”. Svolta o bluff?
Il Primato Nazionale INTERNO

Roma, 23 set – Israele e Palestina dovrebbero essere due Stati indipendenti e in pace. Da quanti decenni ascoltiamo e leggiamo di questa proposta, mai arrivata a una reale concretizzazione, pur essendoci andati molto vicini nell’ormai remoto 1994. Ora è il premier israeliano Yair Lapid a rilanciarla, a sorpresa, all’assemblea generale dell’Onu. Israele e Palestina, Lapid dà l’assenso ai due Stati Lapid si è detto dunque favorevole alla soluzione dei due Stati (Israele e Palestina) per porre fine al conflitto pluridecennale in Medio Oriente. (Il Primato Nazionale)

Su altre testate

Nonostante tutti gli ostacoli la maggior parte degli israeliani sostiene la soluzione dei due Stati e io sono uno di loro. Così il premier israeliano Yair Lapid davanti all'assemblea generale dell'Onu ha confermato di essere d'accordo con la soluzione della formazione di due Stati per risolvere il conflitto fra israeliani e palestinesi. (Libero Tecnologia)

Un accordo con i palestinesi, basato su due stati per due popoli, è la cosa giusta per la sicurezza d'Israele, la sua economia, il futuro dei suoi figli. La maggior parte degli israeliani sostiene una soluzione con due stati, io sono uno di loro, ma il futuro stato palestinese deve essere pacifico. (Il Sole 24 ORE)

La maggior parte degli israeliani sostiene questa soluzione Storica apertura di Lapid: Israele-Palestina, sì ai due Stati (Agenzia askanews)

Abu Mazen all’attacco di Onu e Israele: «Responsabili di massacri, ma bene la soluzione a due Stati»

C'è solo una condizione: che il futuro Stato palestinese sia pacifico. Così il premier israeliano Yair Lapid davanti all'assemblea generale dell'Onu ha confermato di essere d'accordo con la soluzione della formazione di due Stati per risolvere il conflitto fra israeliani e palestinesi. (Tiscali Notizie)

Un discorso fortemente emotivo – più volte segnato dalla parola pace, tranne che riguardo all’Iran – le cui anticipazioni, filtrate in mattinata, hanno tuttavia trovato in patria più critiche che consensi, anche tra i ministri del suo stesso governo, come Aylet Shaked. (Il Fatto Quotidiano)

Ho sentito il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il premier Yair Lapid e altri leader mondiali supportare la soluzione dei due stati. Siamo grati, è uno sviluppo positivo. Così il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese (Anp) Abu Mazen ha replicato all’apertura espressa dal primo ministro israeliano nel corso dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr