Spostamenti tra Regioni, verso la proroga del divieto fino al 31 marzo

Spostamenti tra Regioni, verso la proroga del divieto fino al 31 marzo
L'Unione Sarda.it INTERNO

Non c'è l'accordo tra le Regioni sulla possibilità di creare in Italia una zona omogenea di colore arancione.

Se per il nuovo Dpcm c'è tempo (quello attuale scade il 5 marzo), sugli spostamenti tra Regioni bisogna decidere subito, perché il divieto scade il 25 febbraio.

E' fissato per lunedì il Consiglio dei ministri che affronterà il nuovo decreto sulle misure di contenimento.

Scontata la proroga, secondo l'Adnkronos è emersa la linea di vietare la mobilità tra Regioni (indipendentemente dal colore) fino al 31 marzo

Sulla necessità di evitare continui cambi di colore invece le Regioni concordano, così come sulla richiesta di "cambiare passo" nella campagna vaccinale. (L'Unione Sarda.it)

Ne parlano anche altre testate

Le divisioni tra le Regioni. Mario Draghi sia attestato sulla linea del «rigore assoluto» (lotta al Covid e potenziamento del piano vaccini), ma è anche determinato a non penalizzare le attività produttive L’ipotesi su cui si ritrovano tutti i governatori è di individuare misure omogenee evitando di cambiare colori e quindi regole di settimana in settimana. (Il Sole 24 ORE)

Spostamenti tra regioni, verso il prolungamento: la nuova data Il divieto agli spostamenti tra regioni, anche gialle, verrà prorogato dal governo Draghi. Nei giorni scorsi era circolata l’ipotesi di uno slittamento fino al 5 marzo, quando sarebbero scadute anche tutte le altre misure anti contagio. (Virgilio Notizie)

Divieto che, a causa dell’esplosione delle varianti, potrebbe essere prorogato dal presidente Mario Draghi. Attualmente gli spostamenti tra Regioni, anche quelle gialle, sono vietate fino al 25 febbraio. (QuiFinanza)

Stop agli spostamenti tra regioni fino al 31 marzo

Ancora una volta si registra un generale contrasto fra le Regioni anche se tutti gli enti concordano su una comunicazione tempestiva delle misure. C’è poco da stare tranquilli ma in mezza Italia si sono registrate strade affollate e alcuni sindaci hanno deciso di transennare (Corriere Adriatico)

L'ipotesi che circolava negli ultimi giorni era quella di uno slittamento fino al 5 marzo, quando sarebbero scadute anche le altre misure anti-Covid. Stop agli spostamenti tra le regioni fino al 31 marzo: secondo quanto si apprende è ciò che il governo sta valutando. (La voce di Rovigo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr