Borsa Usa rimbalza dopo flessione legata a Evergrande, domina cautela Da Reuters

Investing.com ECONOMIA

La Borsa di New York ( NYSE ) dopo la chiusura delle negoziazioni a New York, Stati Uniti, 18 marzo 2020.

I colossi tech tra cui APPLE (NASDAQ: ), TESLA, FACEBOOK (NASDAQ: ) e ALPHABET (NASDAQ: ), guadagnano tra lo 0,3% e l'1,3%.

L'indice di volatilità Cboe, considerato lo strumento di misura della paura a Wall Street, scambia appena sotto i massimi di quattro mesi registrati ieri.

Il comparto energetico è in rialzo dello 0,7% in scia all'aumento dei prezzi del petrolio sui segnali di una riduzione dell'offerta Usa come conseguenza dell'uragano Ida. (Investing.com)

Su altre fonti

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, [email protected], +48587696613) Hengda Real Estate Group ha annunciato in un comunicato che porterà a termine il pagamento delle cedole sui suoi bond 5,8% settembre 2025, scambiati sulla borsa di Shenzhen, nella giornata di domani. (Investing.com)

Stati Uniti ed Europa osservano. Nel frattempo Europa e Stati Uniti stanno a guardare: può davvero il governo cinese lasciar fallire il suo gioiello immobiliare? Dopo il panico che si è registrato nella giornata di ieri, oggi i mercati stanno riflettendo sul da farsi. (Cryptonomist)

Società immobiliari in odore di default, ma anche la lista dei fornitori, con un occhio di riguardo per la carta igienica. In attesa degli eventi, il titolo esce quasi indenne dopo una giornata drammatica (-17%). (Forbes Italia)

Passano le ore, ma di interventi salvavita per strappare dal baratro dell'insolvenza il gruppo di Shenzen ancora non se ne vedono. In cassa sono accatastati debiti per 300 miliardi di dollari e le passività, ormai pari al 2% del Pil del Dragone, spuntano ovunque. (ilGiornale.it)

Nel frattempo, l’accordo con gli obbligazionisti nazionali dovrebbe consentire a Evergrande di evitare il default, ma ancora non si sa nulla degli interessi per 83,5 milioni su una emissione a 5 anni scadenza marzo 2022 denominata in dollari Usa, con una dimensione di emissione iniziale di circa 2 miliardi. (La Tribuna di Treviso)

(LaPresse) – “Al settore produttivo del prosecco ribadisco settore ribadisco il mio impegno e tutte le nostre forze ed energie per bloccare una errata e assurda decisione che penalizza e mortifica i produttori”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr