Calcioscommesse, assolto Beppe Signori: "Vittoria netta senza se e senza ma" - Sportmediaset

Calcioscommesse, assolto Beppe Signori: Vittoria netta senza se e senza ma - Sportmediaset
Per saperne di più:
Sport Mediaset SPORT

"Dopo dieci anni è finita, anche se io e il mio avvocato non avevamo mai avuto dubbi sulla mia innocenza", ha dichiarato Signori all'uscita dal Tribunale.

", ha poi aggiunto Signori sul suo profilo Instagram commentando la sentenza a suo carico

"Assolto con formula piena perché il fatto non sussiste, art.

L'ex calciatore scagionato con formula piena perché il "fatto non sussiste". Beppe Signori è stato assolto con formula piena nell'ambito del filone piacentino dell’inchiesta sul calcioscommesse. (Sport Mediaset)

La notizia riportata su altre testate

L’ex attaccante della Nazionale (e di Lazio, Bologna e anche Piacenza) era finito nell'inchiesta, condotta dal pm piacentino Emilio Pisante, sulla partita Piacenza-Padova del 2 ottobre 2010 (terminata 2-2). (IlPiacenza)

Un risultato, secondo l’accusa, determinato dall’ingerenza di Signori e altre quattro persone. Il problema è che noi dovremmo tutti riflettere: una cosa è l’accusa, una cosa è il giudizio. (Radio Radio)

È una misura straordinaria per la diciottenne fiorentina, miglior salto al mondo del 2021 e standard olimpico per i Giochi di Tokyo. Adnkronos. Larissa Iapichino salta un clamoroso 6,91 nel lungo ad Ancona ed eguaglia il record italiano indoor di sua mamma Fiona May, saltato nel 1998 a Valencia. (Yahoo Eurosport IT)

Beppe Signori assolto per Piacenza-Padova: "Non truccò il risultato"

Oggi, al termine del professo svolto nel Tribunale di Piacenza, Signori ha festeggiato su Instagram: "Assolto con formula piena perché il fatto non sussiste (non per insufficienza di prove). Lo storico bomber della Lazio è stato assolto con formula piena dall'accusa che lo aveva coinvolto. (La Lazio Siamo Noi)

Il calciatore aveva rinunciato alla prescrizione proprio perché convinto di poter dimostrare la propria innocenza. Si trattava di un filone “piacentino” della nota vicenda giudiziaria sul calcioscommesse, che si era sviluppata a Cremona e che poi finì in prescrizione, che ha terremotato il calcio italiano nell’ultimo decennio. (SportPiacenza)

Signori, che aveva rinunciato alla prescrizione, era finito sotto processo insieme a Luigi Sartor e al "gruppo di Singapore" che, secondo un testimone, aveva versato 65 mila euro allo scopo di indirizzare il risultato della gara, 30.000 dei quali direttamente a Signori. (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr