Pete Buttigieg difeso da Donald Trump: “Io lo voterei anche se gay”

Gay.it Gay.it (Esteri)

In difesa di Buttigieg anche Joe Biden, suo rivale democratico nella corsa alla Casa Bianca: “Avete appena sentito Rush Limbaugh, mio Dio, è parte della depravazione di questa amministrazione.

Un cortocircuito inatteso, quello andato in scena negli USA

Su altre testate

A sorpresa il procuratore generale William Barr, in genere più che fedelissimo nei confronti del suo presidente, ha dichiarato che i tweet e le dichiarazioni pubbliche del presidente Trump gli rendono “impossibile” svolgere il suo lavoro con efficacia. (Business Insider Italia)

Ha preteso che il Dipartimento di Giustizia sconfessasse l'operato dei suoi procuratori. La sua uscita è l'ultimo episodio in una crisi senza precedenti dai tempi di Richard Nixon all'interno del Dipartimento di Giustizia, scosso da una crisi di credibilità per le pressioni esplicite di Trump. (la Repubblica)

Il Patrimonio di Donald Trump. Secondo le autorevoli stime delle riviste Bloomberg e Forbes, il patrimonio di Donald Trump si aggirerebbe intorno ai 3-4 miliardi di dollari. Come Presidente degli Stati Uniti, carica che ricopre dal 20 gennaio 2017, Donald Trump dovrebbe ricevere uno stipendio di 400mila dollari lordi all’anno come stabilito dal Congresso durante l’amministrazione Clinton (Termometro Politico)

“Non mi farò bullizzare o influenzare da nessuno”, ha detto Barr nell’intervista a Abc News, includendo nella lista “il Congresso, i giornali, gli editoriali, o il presidente. Barr ha anche detto di essere “naturalmente” consapevole che le sue parole potrebbero non piacere al presidente, ma anche il partito repubblicano è preoccupato delle continue interferenze di Trump nelle questioni giudiziarie. (L'HuffPost)

Trump adora dire cose non vere, diffondere false notizie, lui è the liar in chief, il bugiardo in capo. Gli Usa devono essere parte della soluzione, sicuramente dobbiamo lavorare con la Russia. (Corriere della Sera)

Negli Stati Uniti la maratona elettorale per la scelta dei candidati è iniziata con le primarie. Trump vincerà, ma sussistono forti dubbi che questo successo sarà nell’interesse a lungo termine degli Stati Uniti stessi, e dei suoi storici alleati europei. (Gazzetta di Parma)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.