C’è Posta per Te, un retroscena di qualche anno fa: “Intervenne la Polizia”

C’è Posta per Te, un retroscena di qualche anno fa: “Intervenne la Polizia”
BlogLive.it CULTURA E SPETTACOLO

LEGGI ANCHE > > > C’è Posta per Te, Maria De Filippi lascia lo studio: silenzio irreale – VIDEO. C’è Posta per Te, la postina del programma racconta il retroscena: c’è anche la Polizia. Chiara Carcano ha deciso di raccontare alcuni curiosi retroscena sulla consegna delle buste a “Tv, Sorrisi e Canzoni”

La nota postina di “C’è Posta per Te” rivela un clamoroso retroscena che sta facendo discutere non poco il web. (BlogLive.it)

Ne parlano anche altri media

In pochi istanti la rete ha scoperto il nome “Maria Siponta” confondendolo con “Maria Sepolta”. La città di Manfredonia e Sipontina sono entrati nei trend topic di Twitter in pochi minuti (ilsipontino.net)

All’inizio, infatti, non tutti avevano capito che fosse Maria Siponta, ma addirittura avevano capito Maria Sepolta, che è così finito in trend su Twitter In effetti, c’è sempre stata grande curiosità in merito al contenuto della busta, quindi ora sappiamo cosa c’è all’interno. (Il Sussidiario.net)

La storia di Maria Siponta a C'è posta per te. Di fronte agli attacchi di Antonella e alle prove mostrate da Maria De Filippi, Maria Siponta si è difesa anche davanti all'evidenza: "Parliamo di una ventina di telefonate al giorno e non sono telefonate per cose utili. (Tv Fanpage)

C’è posta per te, il racconto della postina Chiara Carcano: “Hanno chiamato la polizia”

È la volta del noto ballerino e showman di Torre Annunziata. A raggiungere i destinatari della posta in giro in bicicletta per tutta l’Italia il quartetto composto da Chiara Carcano, Marcello Mordino, Gianfranco Apicerni e Andrea Offreddi (TorreSette)

La postina di C’è posta per te, Chiara Carcano, racconta l’incredibile episodio avvenuto mentre consegnava la busta con l’invito. All’inizio non mi riconoscevano e una volta hanno chiamato addirittura la polizia”, ha raccontato la postina di C’è posta. (CheDonna.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr