Via D’Amelio, Scarpinato: “I depistaggi continuano ancora oggi

Via D’Amelio, Scarpinato: “I depistaggi continuano ancora oggi
Per saperne di più:
Il Fatto Quotidiano INTERNO

A questo punto l’esperto investigatori antimafia racconta di aver fatto una sorta d’inventario: “In questa vicenda delle stragi ci sono almeno 15 morti strane, tra omicidi e suicidi”

“Più trascorrono gli anni e più si comprende che la strage di via D’Amelio non è solo un caso giudiziario, ma è molto di più.

La strage di via D’Amelio è ancora tra noi in tanti modi ed è questa la cosa più inquietante”. (Il Fatto Quotidiano)

Ne parlano anche altri giornali

Così il fondatore di Libera nel giorno dell'anniversario dell'attentato in cui persero la vita il giudice Borsellino e cinque agenti della scorta. A ventinove anni dalla strage di via D’Amelio, a Palermo, dove morirono il giudice Paolo Borsellino e la sua scorta, don Ciotti di Libera parla dell’importanza della memoria che “deve essere viva, non son odi un giorno ma un impegno continuo”. (LaPresse)

“Che fine faranno i grandi processi di mafia con questa scellerata riforma?”. Imporre tempistiche così strette, sostiene il magistrato, non farà altro che creare “una giustizia ingiusta. (Il Fatto Quotidiano)

“L’attentato di via D’Amelio venne concepito e messo in atto con brutale disumanità. Nell'attentato mafioso persero la vita il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta. Oggi è il 29esimo anniversario della strage di via D’Amelio, a Palermo, che costò la vita al giudice Paolo Borsellino e a cinque agenti della scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. (LaPresse)

Strage di via D’Amelio, la Rai cambia tutto: palinsesti rivoluzionati

La forza della detonazione distrugge decine di automobili parcheggiate davanti al palazzo della madre di Borsellino. L’omicidio di Borsellino arriva a meno di due mesi di distanza dalla strage di Capaci, dove rimane ucciso il magistrato Giovanni Falcone (Corriere TV)

La voce di Paolo Borsellino che ascolteremo in via D’Amelio sarà il modo migliore per rinnovare il nostro impegno per la questa terra" Tre giorni di incontri e dibattiti per riflettere su una strage senza verità. (Giornale di Sicilia)

Strage di via D’Amelio, la Rai cambia tutto: palinsesti rivoluzionati per ricordare la morte di Paolo Borsellino e della sua scorta, 29 anni dopo. Ogni volta, ricordare la strage di Capaci e quella di via D’Amelio non è solo un dovere e la Rai sarà in prima fila con una programmazione ad hoc iniziata sabato 17 luglio. (Inews24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr