Sfatato un grande mito e luogo comune sul vino rosso

Sfatato un grande mito e luogo comune sul vino rosso
Proiezioni di Borsa ECONOMIA

Ecco sfatato un grande mito e luogo comune sul vino rosso.

Una delle dicerie più diffuse è il classico abbinamento del vino rosso con la carne e del vino bianco con il pesce.

Se al Lettore è risultato interessante questo articolo, si consiglia di leggere questo per un abbinamento tra risotto e vino

Pinot nero e branzino, ottimo abbinamento. Il mito da sfatare è chiaro: il vino rosso, se sta bene con la carne, non sta bene con il pesce. (Proiezioni di Borsa)

La notizia riportata su altri giornali

“Nel Recovery Fund - spiega Soldati - occorre allocare risorse per investire su un nuovo concetto di agricoltura e sulla tutela del paesaggio come opportunità occupazionale per i giovani e per lo sviluppo dell’imprenditoria femminile, i segmenti più colpiti dalla crisi pandemica”. (WineNews)

Dire che questo vino bolgherese è uno dei più luminosi e celebrati esempi delle potenzialità enologiche del nostro Paese può risultare ridondante, addirittura scontato. Quelli che, facendo una metafora sportiva, sono in grado di cambiare una partita o, tornando al vino, di dare via ad un’epoca di crescita della reputazione non solo di quella singola etichetta, ma del suo territorio intero, se non di tutto il Paese. (WineNews)

Un risultato ottenuto grazie all’utilizzo di tecniche di ricerca nuove, o già conosciute ma utilizzate in maniera innovativa (WineNews)

Perché il vino rosso si beve a temperatura ambiente

Quest’anno, per la prima volta, la scelta è caduta su una donna, Elena Salmistraro, laureata al Politecnico di Milano, alla guida del suo studio grafico, collaboratrice di molte aziende dell’industria creativa e nominata ambasciatrice del design italiano nel mondo nel 2017 dal Ministero degli Affari Esteri. (WineNews)

Perché il vino rosso si beve a temperatura ambiente? Per questo motivo il vino rosso risulta più amaro al palato. (Proiezioni di Borsa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr