I portuali di Trieste: «Bloccheremo tutte le operazioni al porto ma niente scontri con la polizia» – L’intervista

Open INTERNO

Nei fatti bloccheremo tutte le operazioni in entrata e in uscita nel porto di Trieste», aggiunge Puzzer.

Questo Green pass è incostituzionale, un ricatto dello Stato italiano che vuole portare le persone a vaccinarsi.

I portuali di Trieste sono determinati e disposti a tutto pur di non esibire dal 15 ottobre il Green pass per andare a lavorare.

«Dal 15 ottobre il porto di Trieste non sarà operativo a partire dalle 7. (Open)

Ne parlano anche altre testate

Green pass lavoro, dpcm Draghi: no contributi (e ferie) per assenze ingiustificate. reen pass con il tampone, quanto costa e come funziona LO SCENARIO Il rifiuto di Trieste al Viminale PRIME CONCESSIONI Portuali, circolare del Viminale LE MISURE Green pass lavoro, dpcm Draghi: no contributi (e ferie) per. (ilmessaggero.it)

Questa potrebbe essere «una soluzione alternativa al Green pass», anche per andare incontro a chi «in età lavorativa non ha ancora effettuato il vaccino». Green pass lavoro, dpcm Draghi: no contributi (e ferie) per assenze ingiustificate. (ilgazzettino.it)

Il blocco di venerdì è confermato, oggi ci saranno sorprese perché non si fermerà solo il porto di Trieste. Sono le parole del portavoce dei portuali di Trieste, Stefano Puzzer , che all'Huffington Post ha annunciato il blocco in vista dell'entrata in vigore dell'obbligo del Green pass per l'accesso al lavoro, prevista venerdì. (Gazzetta del Sud)

Green Pass, scoppia la protesta nei porti: dopo Trieste, possibili blocchi anche a Genova e Gioia Tauro

Lo dichiara all’Huffington post Stefano Puzzer, portavoce del Clpt, che ribadisce la volontà di bloccare il porto il 15 ottobre a meno che non si realizzi un’unica condizione: “L’unica apertura nei nostri confronti è togliere il Green pass”. (TriestePrima)

Portuali no green pass: dilaga la protesta. Roma, 13 ott – Non solo Trieste, la protesta dei portuali contro il green pass potrebbe estendersi anche ad altre città. (Il Primato Nazionale)

«Il Ministero dell'Interno sul Green Pass interviene nei porti senza conoscerli e senza avere la minima idea di come funzionino, di quali equilibri li caratterizzino», ha lamentato. I porti sono il centro della protesta contro l’introduzione dell’obbligo di Green Pass nei luoghi di lavoro a partire dal 15 ottobre in tutta Italia. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr