UBS: «Zurigo a rischio bolla immobiliare»

UBS: «Zurigo a rischio bolla immobiliare»
Corriere del Ticino ECONOMIA

Gli squilibri nel mercato immobiliare sono elevati anche a Tokyo, Sydney, Londra, Mosca, Tel Aviv e Singapore, mentre Madrid, Milano e Varsavia presentano ancora valutazioni eque.

Zurigo si trova fra le città mondiali a rischio bolla immobiliare e tra la metà del 2020 e la metà di quest’anno la situazione è ulteriormente peggiorata, secondo un’analisi di UBS.

Sebbene alcuni effetti possano essere transitori, secondo UBS questa inversione indebolisce la tesi dell’apprezzamento dei prezzi immobiliari quasi garantito nei centri città

Gli economisti della seconda banca elvetica hanno calcolato un indice, l’UBS Global Real Estate Bubble Index, che inserisce Zurigo a 1,83 punti, cioè nella zona a rischio, che va da 1,5. (Corriere del Ticino)

Se ne è parlato anche su altri giornali

La città sulla Limmat è posizionata al quinto posto, dietro Monaco di Baviera, Hong Kong, Toronto e Francoforte. Un mondo in bolla - A livello internazionale Francoforte (punteggio di 2,16), Toronto (2,02) e Hong Kong (+1,90) mostrano i livelli di rischio più elevati. (Ticinonline)

All’interno di questo scenario, dunque, Milano presenta valutazioni eque come notato da Matteo Ramenghi, chief investment officer di Ubs WM Italy, secondo il quale «in particolar modo se confrontato con il resto d’Europa, il mercato immobiliare residenziale di Milano continua a offrire agli investitori valutazioni interessanti». (Milano Finanza)

Al contrario, i mercati immobiliari a Milano e Madrid sono stati colpiti più duramente dalla pandemia. I prezzi immobiliari a Tokyo sono aumentati quasi ininterrottamente per oltre due decenni, rafforzati da condizioni finanziarie interessanti e dalla crescita demografica (Monitorimmobiliare.it)

Ubs: «Milano, mercato immobiliare tra i più promettenti per investire»

Non dissimile l’offerta a Carbonia e Sassari, dove non esiste un mercato per i monolocali (nel capoluogo sono pari al 6,8% del totale degli immobili in vendita). In entrambe le città predominano sempre i trilocali (rispettivamente 42,9% e 40,2%), seguiti dai quadrilocali (rispettivamente 28,5% e 32,6%). (L'Unione Sarda.it)

Una idea che era emersa anche nelle vecchie edizioni del report UBS Global Real Estate Bubble Index. Al contrario, Milano ha visto una stagnazione dei prezzi immobiliari a fronte di lockdown relativamente lunghi e rigidi (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr