Erdogan carica la Turchia: «Maestro Senol, figli miei, Allah vi benedica»

Lazio News 24 SPORT

«Sono molto emozionato.

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, scrive alla nazionale di Gunes prima dell’esordio contro l’Italia. Recep Tayyip Erdogan, presidente della Turchia, scrive alla nazionale di Gunes a poche ore dall’esordio a Euro2020 contro l’Italia.

Maesto Senol figli miei… qualunque sarà il risultato, sappiate che vi amiamo tutti molto.

Oggi i nostri ragazzi scendono in campo per Euro 2020. (Lazio News 24)

Se ne è parlato anche su altri media

Ecco i primi avversari dell'Italia a Euro 2020. (Sport Mediaset)

Per guardarla dovete collegarvi al canale YouTube di una persona che si chiama Sedat Peker, che di questa serie è ideatore, regista e unico protagonista. E soprattuto come l’attuale potentissimo ministro dell’Interno turco Suleyman Soylu, uno dei potenziali successori di Erdogan, che Peker accusa di abuso di potere e corruzione (Fanpage.it)

Tra le vittime Selmar Bozkir, qualificato dai turchi come un importante leader del Pkk e uno dei dirigenti del campo. Un gruppo numeroso di quei rifugiati ha cambiato accampamento nove volte, prima di stabilirsi a Makhmour, distante 180 chilometri dalla frontiera. (L'Espresso)

Neppure a Erdogan, che non a caso ha spronato così la nazionale turca: “Gunes, figli miei, vi amiamo e siamo tutti al vostro fianco”. Più meramente Erdogan sa che stasera quei “figli” rappresenteranno una nazione, piaccia o non piaccia. (Il Primato Nazionale)

La Repubblica si chiede che effetto farà ad Erdogan vedere i suoi giocatori agli "ordini" di una donna. Il presidente turco lo scorso 7 aprile lasciò da sola, in piedi prima e poi su un sofà, Ursula von der Leyen, lasciandola ad assistere all'incontro tra maschi con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. (ilGiornale.it)

Chissà che effetto farà a Erdogan vedere i suoi giocatori prendere ordini da una donna. Ad Arda Turan è valsa il ritorno in patria - proprio al Basaksehir, poi al Galatasaray - dopo la disastrosa esperienza col Barcellona. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr