Operazione contro la 'ndrangheta, 12 arresti tra Torino e Cuneo

Operazione contro la 'ndrangheta, 12 arresti tra Torino e Cuneo
Quotidiano Piemontese Quotidiano Piemontese (Interno)

Una trentina le perquisizioni effettuate. L’attività investigativa è coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Torino.

Gli agenti della Squadra mobile di Torino e il Nucleo investigativo dei carabinieri del Comando provinciale di Cuneo hanno notificato 12 ordinanze di custodia cautelare (8 in carcere e 4 ai domiciliari).

Ne parlano anche altri giornali

Dodici le ordinanze di custodia cautelare emesse dal tribunale di Torino per associazione di stampo mafioso e traffico di droga. a Squadra Mobile di Torino e il Nucleo Investigativo dei Carabinieri del Comando Provinciale di Cuneo hanno sgominato un sodalizio di stampo mafioso ‘ndranghetistico stabile nella provincia di Cuneo. (http://gazzettadalba.it/)

Nelle prime ore di stamattina la Squadra Mobile di Torino ed il Nucleo Investigativo dei Carabinieri del Comando Provinciale di Cuneo hanno effettuato una trentina di perquisizioni e dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Torino nei confronti di 12 persone ritenute responsabili, tra l’altro, di associazione di stampo mafioso e di traffico di sostanze stupefacenti. (Zoom24.it)

Il gruppo è radicato a Bra e risulta legato ai Luppino, originari della zona di Sant'Eufemia d'Aspromonte (Reggio Calabria). Il procuratore capo Anna Maria Loreto ha messo l'accento sulla "grande sinergia tra polizia e carabinieri" che hanno saputo "condividere informazioni e spunti operativi". (Sky Tg24 )

Una contestazione per concorso esterno in associazione di stampo mafioso è stata mossa ad un avvocato, che è risultato fare da tramite tra Luppino Salvatore ed esponenti di spicco della ‘ndrangheta. (Prima Chivasso)

di Reggio Calabria), indagine che aveva consentito di svelare un fiorente traffico di sostanze stupefacenti lungo l’asse Calabria – Torino – Bra. Stretti contatti aveva Luppino Salvatore, anche tramite i suoi famigliari, con un appartenente alla pubblica amministrazione di Bra. (Cronaca Qui)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr