Siena, in tre ai domiciliari con l’accusa di stupro: c’è anche un calciatore di Serie A

Siena, in tre ai domiciliari con l’accusa di stupro: c’è anche un calciatore di Serie A
Inews24 SPORT

Dopo una festa cittadina, una ragazza avrebbe denunciato quattro uomini tra cui anche un calciatore di Serie A.

Tra gli accusati ci sarebbe anche un calciatore di Serie A.

Nell’ultima stagione il trequartista è riuscito a siglare tre presenze in Serie A con la maglia del Genoa

Un ragazza a Siena ha denunciato uno stupro di gruppo durante una festa.

Nella giornata di ieri ha fatto scalpore la denuncia di stupro di gruppo a Siena. (Inews24)

Se ne è parlato anche su altri media

Ciro Grillo e gli altri indagati: «Con Silvia eravamo noi in imbarazzo. Il calciatore del Genoa Manolo Portanova è indagato e si trova agli arresti domiciliari per stupro. (ilmessaggero.it)

Con lui, ai domiciliari altri due ragazzi, di 18 e 20 anni, mentre un 17enne è indagato a piede libero. Dopo aver raccolto i primi riscontri, in particolare il referto medico in cui si evidenziavano segni compatibili con una violenza sessuale, la Procura ha chiesto e ottenuto in brevissimo tempo le misure cautelari (Pianeta Milan)

Tre ragazzi in stato di fermo, uno indagato a piede libero per un presunto caso di stupro a Siena. Portanova è stato fermato mentre si trovava in vacanza nel Messinese ed è atteso a Siena per l’interrogatorio, che si terrà con ogni probabilità lunedì (La Stampa)

Stupro di gruppo: arrestato calciatore di serie A

Lunedì il giovane centrocampista si presenterà davanti al GiP per l’interrogatorio di garanzia. I due e un loro amico sono agli arresti domiciliari, in attesa di chiarire la loro posizione. (NapoliToday)

Per questo da martedì agli arresti domiciliari è finito anche il calciatore del Genoa Manolo Portanova, 21 anni, figlio di Daniele, ex difensore di Napoli, Siena e Bologna. Chi sono gli arrestati. La festa in casa e le accuse, cosa sappiamo fin qui. (LA NAZIONE)

Lo zio di Portanova, Alessio Langella, 23 anni, ha deciso di non rispondere alle domande del gip Rocchi. Per Langella e Cappiello è stata chiesta la possibilità di andare almeno a lavoro: la procura si è detta contraria, il gip si è riservato (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr