Canarie, non si arresta l’eruzione vulcanica: le spettacolari immagini aeree

Canarie, non si arresta l’eruzione vulcanica: le spettacolari immagini aeree
Per saperne di più:
La7 ESTERI

Le autorità stanno monitorando il flusso del magma ma sono già oltre 1.100 le costruzioni distrutte: case, fattorie, piscine.

Dallo scorso 19 settembre, data di inizio eruzione, oltre 6mila persone sono state evacuate

(LaPresse) - Continua l'eruzione vulcanica sull'isola di La Palma, alle Canarie: molti edifici sono stati inghiottiti dal flusso di lava, inclusa una fabbrica di cemento nella zona industriale. (La7)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ha rimedi erboristici per diabete, epatite, cancro, leucemia, fibrosi. 1. Sputnik Italia [email protected] +74956456601 MIA „Rosiya Segodnya“ 252 60. daniel walmper Rapporto sull'esperienza sul trattamento dell'herpes Mi è stato diagnosticato l'herpes genitale per 2 anni e sto cercando una cura. (Sputnik Italia)

ono tra 700 e 800 le persone a cui è stato ordinato di abbandonare le loro case per l'eruzione del vulcano Cumbre Vieja a La Palma. L'ordine di evacuazione preventivo, ha aggiunto, permette alle persone interessate di aver "tempo sufficiente" per portare via documenti e oggetti di valore dalle case a rischio. (RagusaNews)

Il giorno dopo, l’11 ottobre, è stato registrato un sisma stimato in 3.8 della scala Richter. – È crollata la parete nord del vulcano Cumbre Vieja, sull’isola di La Palma, alle Canarie. (Dire)

Cumbre Vieja, è crollata la parete nord del vulcano alle Canarie

La cifra precisa non può essere fornita in questo momento perché è possibile che alcune si fossero già allontanate precedentemente, hanno aggiunto. Questa misura di confinamento, decretata per circa 3. (Tiscali.it)

Le autorità stanno monitorando il flusso del magma ma sono già oltre 1.100 le costruzioni distrutte: case, fattorie, piscine. Dallo scorso 19 settembre, data di inizio eruzione, oltre 6mila persone sono state evacuate (LaPresse)

Segui LaStampa Viaggi su Facebook (clicca qui). Non ti perdere la newsletter settimanale e gratuita, se vuoi iscriverti clicca qui Crediti foto: Nasa Earth Observatory. Per fare un esempio concreto, «il processo è simile al modo in cui un sasso caduto in uno stagno crea increspature che si estendono verso l'esterno». (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr