Covid Lombardia, il bollettino: 307 contagi su 53.236 tamponi

Covid Lombardia, il bollettino: 307 contagi su 53.236 tamponi
Sky Tg24 INTERNO

I nuovi decessi registrati sono 5 che portano il totale a 34.098 morti dall'inizio dell'emergenza.

I ricoverati in terapia intensiva sono 59, quelli negli altri reparti sono 315.

(TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI IN ITALIA E NEL MONDO - I DATI DEI VACCINI IN ITALIA) Per quanto riguarda le province, sono 98 i positivi segnalati a Milano (di cui 45 a Milano città), 35 a Bergamo, 47 a Brescia, 11 a Como, 12 a Cremona, 10 a Lecco, 15 a Lodi, 6 a Mantova, 26 a Monza, 21 a Pavia, 4 a Sondrio e 10 a Varese

Con 53.236 tamponi effettuati è di 307 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività allo 0,58%. (Sky Tg24 )

La notizia riportata su altri giornali

A breve il riassunto dei dati di oggi e la crescita di nuovi positivi registrata nelle province della Lombardia A livello nazionale oggi si registrano in Italia 2.772 nuovi positivi su una base di 278.945 tamponi. (VareseNoi.it)

Milano, 15 ott. (LaPresse) - (LaPresse)

In Abruzzo i nuovi casi sono 56 (di età compresa tra 1 e 95 anni). Nel Lazio si registrano 194 nuovi casi positivi, 4 decessi, 324 i ricoverati, 49 le terapie intensive e 430 i guariti (Il Giorno)

Italia spaccata in due anche sulla scuola, al Sud 56% edifici in emergenza

A scriverlo è la vicepresidente e assessora al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti sul suo profilo Facebook. "Regione Lombardia ha superato oggi lo straordinario traguardo del 90% di adesioni alla campagna vaccinale: 8,1 milioni di lombardi su 8.966.991 over12 della platea Istat hanno detto sì al vaccino". (La Repubblica)

Sono 3 i decessi che portano il totale a 34.093 morti da inizio pandemia. Con 61.739 tamponi effettuati è di 306 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività allo 0,4%. (La Repubblica)

Un divario che, tra il Centro-Nord e il Sud e le Isole, risulta evidente se si pensa "alle troppe emergenze strutturali e alle tante disuguaglianze". L’Italia è spaccata in due anche sulla scuola, e in particolare sulla qualità dell’edilizia e dei servizi. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr