Naufragio della Manica, tra le vittime anche tre bambini

Il Manifesto ESTERI

L’appuntamento è per domenica prossima ed stato deciso ieri nel corso di una riunione del governo convocata d’urgenza dal premier Jean Castex ma a essere invitati non sono, come sarebbe logico, i ministri di tutti e 27 i

Dopo il naufragio di un barcone avvenuto mercoledì nel Canale della Manica e costato la vita a 27 migranti tra i quali cinque donne (una incinta) e tre bambini, la Francia invita adesso i ministri europei che si occupano di immigrazione a Calais per un sopralluogo delle coste dalle quali partono le imbarcazioni dirette in Gran Bretagna (Il Manifesto)

Su altri media

“Almeno 744 persone migranti – ha ricordato – hanno perso la vita in Europa dal 2014, quasi 200 delle quali nel tentativo di attraversare il Canale. L’Unicef è pronto a intensificare la sua azione con i governi, le organizzazioni delle Nazioni Unite e le istituzioni dell’Ue per fornire urgentemente sostegno umanitario e protezione ai bambini migranti” (Servizio Informazione Religiosa)

Il premier britannico ha reso pubblica via twitter una lettera all'omologo francese in cui chiede a Parigi di riprendersi i migranti che attraversano illegalmente. (askanews) - Un tweet di Boris Johnson ha fatto infuriare Emmanuel Macron, complicando il dialogo in corso fra Francia e Gran Bretagna sulla delicata questione dei migranti, dopo la morte di 27 persone che sono annegate tentando di attraversare la Manica per raggiungere l'Inghilterra. (Il Sole 24 ORE)

A seguito della pubblicazione di questo messaggio, Parigi ha deciso di cancellare la visita del ministro degli Interni britannico Priti Patel all’incontro previsto per domenica con gli altri Paesi europei sul tema dei migranti. (laredazione.eu)

“Da vent’anni ci sono persone che muoiono ma sono sempre stati casi isolati”, racconta ancora don Louis-Emmanuel. Calais, il giorno dopo la tragedia della Manica che ha visto morire 27 persone è ancora sotto shock: “È la prima volta che ci sono così tanti morti insieme nella Manica”. (Servizio Informazione Religiosa)

Sono passati all’azione dopo settimane di proteste per le difficoltà poste dalla Gran Bretagna nel dopo-Brexit alla concessione delle licenze di pesca. Da oggi i loro pescherecci bloccano i traghetti diretti da Calais verso la Gran Bretagna, e con i blocchi stradali l’accesso dei camion al tunnel sotto la Manica (America Oggi)

In un messaggio a Patel, Darmanin sostiene che se la lettera del primo ministro britannico al presidente francese Emmanuel Macron è una "delusione", il fatto di averla resa pubblica "è ancora peggio". All'incontro sono stati invitati i ministri responsabili dell'immigrazione belga, tedesca, olandese e britannica, nonché la Commissione europea. (tvsvizzera.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr