Ucciso a Voghera dall'assessore, legale vittima: "Andava curato"

Ucciso a Voghera dall'assessore, legale vittima: Andava curato
IL GIORNO INTERNO

I carabinieri di Livorno Ferraris hanno chiamato i carabinieri di Voghera per poter prendere Youns, non perché fa male a qualcuno, è per lui, per difendere mio fratello".

Voghera (Pavia), 22 luglio 2021 - Youns El Boussetaoui, il 39enne marocchino ucciso con un colpo di pistola in piazza a Voghera dall'assessore alla Sicurezza Massimo Adriatici "andava curato, perché non faceva male a nessuno ed era malato". (IL GIORNO)

Se ne è parlato anche su altre testate

Due figli e tanti problemi, chi era Youns l’uomo ucciso dall’assessore: “Gli serviva solo aiuto” Youns El Bossettaoui, il 39enne ucciso da Massimo Adriatici (assessore leghista alla Sicurezza del Comune di Voghera), soffriva di problemi psichici ed era scappato da una struttura di Vercelli perché voleva tornare in piazza a Voghera che considerava “casa sua”. (Fanpage.it)

Omicidio di Voghera, la sorella della vittima: “Voglio giustizia”

"Massimo Adriatici ha compiuto un omicidio volontario. Dicono che era un barbone, che era malato: e allora, le persone si uccidono per questo?". (La Provincia Pavese)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr