la casa di moda riparte dopo il salvataggio (anche da parte dello Stato)- Corriere.it

GameGurus ECONOMIA

Il ruolo dello Stato è creare condizioni affinché gli imprenditori che ci sono, che ringrazio per il loro impegno, possano fare impresa»

Da una parte il brand italiano associato alla qualità, conosciuto in tutto il mondo per la capacità di fare arte.

Lo storico marchio della moda italiana Corneliani torna a produrre sotto una nuova veste.

Dall’altra parte ci sono tante situazioni di crisi dove non basta il brand per superare momenti difficili. (GameGurus)

Su altre testate

Erano stati proprio loro d’altronde a invitarlo in fabbrica alla firma dell’accordo che il 1° dicembre ha visto nascere la nuova Corneliani con lo Stato azionista. In arrivo da Londra, il co-Ceo di Investcorp Hazem Ben Gacem potrebbe essere invece accompagnato da Nicola Ferraris e Andrea Jayne Davis che insieme all’ad Giorgio Brandazza rappresentano il fondo nel cda. (La Gazzetta di Mantova)

Sindacati soddisfatti. La speranza ora è quella di applicare il «metodo Corneliani» ad altre crisi aziendali Lo stabilimento mantovano da inizio dicembre opera sotto la proprietà della della Nuova Corneliani nata dal salvataggio che ha nel capitale lo Stato con una quota di minoranza (al 49%) e gli investitori privati di Investcorp. (Notizie - MSN Italia)

Mantova: il ministro Giorgetti in visita alla Corneliani. «In questo periodo, tuttavia, abbiamo operato in piena autosufficienza finanziaria ottenendo performance del tutto in linea rispetto al piano di concordato. (La Gazzetta di Mantova)

Ulteriori informazioni sul salvataggio Corneliani Oltre ai vertici dell’azienda, erano presenti enti locali e sindacati. (InvItalia)

Lo aveva promesso al momento del salvataggio del noto brand dell’abbigliamento maschile e della nascita, lo scorso primo dicembre, della nuova Corneliani con lo Stato azionista, anche se di minoranza; adesso è pronto a mantenere la parola data: oggi, dunque, il ministro leghista sarà in fabbrica, si intratterrà con le operaie protagoniste della lotta – 130 giorni di presidio ininterrotto davanti ai cancelli dello stabilimento – che ha salvato circa 400 posti di lavoro, visiterà il reparto dove si sta terminando la collezione della prossima primavera-estate e ascolterà da tutti i lavoratori le loro impressioni e i loro propositi sulla nuova sfida che hanno di fronte. (La Gazzetta di Mantova)

In particolare, verso chi ci ha dato fiducia investendo nella società, dandoci la chance di riportare Corneliani al livello dell’abbigliamento maschile di alta gamma, dove merita di stare” Dall’altra parte ci sono tante situazioni di crisi dove non basta il brand per superare momenti difficili. (askanews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr