A 11 anni scala il Cervino dal versante italiano in quattro ore: "Era il mio sogno, ora torno a scuola"

A 11 anni scala il Cervino dal versante italiano in quattro ore: Era il mio sogno, ora torno a scuola
Per saperne di più:
La Repubblica INTERNO

Oggi, come tutti i suoi compagni, torna a scuola dopo che ierii ha esaudito il suo sogno da record: arrivare in vetta al Cervino dal versante italiano.

Ha dimostrato, spiega papà Fabio "che il concetto di limite può essere davvero relativo, ma si deve lottare sacrificarsi e provarci"

Era un anno fa, così ad agosto, alla Rognosa di Sestriere, guardando il Monviso e il Cervino, ha detto a suo padre Fabio, "Papà io li scalerò". (La Repubblica)

Ne parlano anche altre testate

Programmata da 2 anni, da quando, in cima alla Rognosa di Sestriere, Federico aveva annunciato a suo padre: «Scalerò il Monviso e il Cervino». Per questo è stato seguito da una guida professionista che gli ha insegnato i segreti e le insidie delle montagne». (Corriere della Sera)

Arrivare lì, così in alto: un sogno diventato realtà». Federico però voleva raggiungere il suo sogno, senza pensare a record o a titoloni sui giornali. (La Stampa)

anni scala il Cervino in 4 ore: Federico salta i primi giorni di scuola per infrangere un record Federico ha eguagliato (e migliorato) un record a soli 11 anni: il bimbo ha scalato il monte Cervino in 4 ore raggiungendo la vetta tramite il “versante italiano”, considerato più impervio rispetto a quello svizzero percorso dal giovane Jules Molyneaux, coetaneo scozzese. (Fanpage.it)

“L’amitié”, sul Cervino una via in memoria di Roberto Ferraris

Oggi è toccato ad un undicenne di Beinasco, Federico, che è arrivato in cima alla Gran Becca, ma salendo dal versante italiano. Ti sei svegliato alle 4 del mattino, tre gradi sotto zero, torcia in testa, hai scalato due ore nel buio più completo. (AostaSera)

Sul Cervino le avventure più intense, come la prima invernale sulla Diretta alla parete sud o la seconda ripetizione della Casarotto-Grassi Una linea che vuole ricordare l’amico guida Roberto Ferraris, scomparso sotto una valanga nel dicembre 2019. (Montagna.tv)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr