Usa, Weinstein ricorre in appello: Donne non avrebbero dovuto testimonire

Usa, Weinstein ricorre in appello: Donne non avrebbero dovuto testimonire
Più informazioni:
LaPresse INTERNO

È quanto si legge sul New York Times che riporta la tesi dei legali del produttore Usa, 69 anni, la cui vicenda aveva innescato le proteste del movimento Mee Too.

Secondo gli avvocati, la testimonianza delle donne chiamate in Aula avrebbe portato la giuria a concentrarsi sulla lunga storia delle accuse a carico del loro assistito piuttosto che sulle accuse specifiche dibattute nel processo

(LaPresse) – Harvey Weinstein, il produttore di Hollywood condannato a 23 anni per stupro, ha fatto ricorso in appello e ha chiesto un nuovo processo precisando che diverse donne che lo avevano accusato di violenza sessuale non avrebbero mai dovuto essere autorizzate a testimoniare. (LaPresse)

Se ne è parlato anche su altri media

Spiagge deserte, città con traffico a zero e nessuno a passeggio ad ammirare i monumenti, scampagnate di Pasquetta annullate. Per il secondo anno la Pasqua è senza viaggi ma, stavolta, con ristrette riunioni di famiglia. (Quotidiano online)

Stiamo mettendo in sicurezza gli anziani, ad oggi sono 2,8 milioni gli anziani che hanno ricevuto una dose di vaccino» ha affermato il sottosegretario alla Salute. Il sottosegretario alla Salute ha avuto modo di parlare anche del blocco dell somministrazione del vaccino Astrazeneca in Olanda: «Non fermeremo Astrazeneca. (ilmattino.it)

Ma il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, in un’intervista con La Stampa, ha lanciato un appello all’Agenzia europea del farmaco, l’Ema, affinché chiarisca sulle fasce di età. I casi sospetti di trombosi nel nostro Paese sono davvero “esigui rispetto alle dosi inoculate”, ha ribadito Sileri. (Nordest24.it)

AstraZeneca, Sileri: "L'Italia va avanti ma Ema chiarisca su eventuali limiti d'età"

– “I numeri tendono a migliorare e grazie alla vaccinazione siamo davvero all’ultimo miglio” e “a maggio molte regioni saranno gialle e qualcuna sarà bianca”. Dalla metà di aprile – ha sottolineato Sileri – dovremmo vedere un progressivo calo dei ricoveri, e dalla metà di maggio potremmo vedere ciò che ha visto in questi giorni la Gran Bretagna, ovvero un numero di morti vicino a zero” (Live Sicilia)

“Peraltro va accertata la reale correlazione causa-effetto”, ha aggiunto, “prendiamo decisioni politiche sulla base di evidenze scientifiche”. Bisogna andare avanti con la vaccinazione”: lo ha ribadito il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri in un’intervista a La Stampa in cui ha ricordato che i casi di trombosi registrati in Italia hanno “numeri esigui rispetto alle dosi inoculate”. (RagusaOggi)

Individuata la fascia d’età con un rischio maggiore di trombosi, si mette un limite per la somministrazione o un’avvertenza che preveda un monitoraggio di chi viene vaccinato" (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr