Criptovalute: la blockchain sarà “il notaio” di domani?

La Stampa ECONOMIA

Più blockchain significa meno notaio», osserva

Proprio su questo argomento il notaio Morone ha scritto un libro insieme ad altri esperti del settore.

Il nostro capofila è Stefano Capaccioli, commercialista di Arezzo, che si interroga sulla natura giuridica delle criptovalute sin dalla loro nascita.

Morone però avverte: «Il nostro libro nasce già vecchio, perché quello delle criptovalute è un mondo, sotto molti aspetti, in costante mutamento». (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri media

Gli analisti tecnici avevano osservato il livello di $ 30.000 come livello di supporto chiave sui grafici dopo che la criptovaluta era scesa vicino a quel minimo durante il suo crollo di maggio Vicino al minimo della giornata, il è sceso di oltre l'11% a circa $ 28.911, al di sotto del livello di $ 29.026 su cui ha chiuso il 2020. (Investing.com)

Il metodo Wyckoff. Richard Wyckoff è colui che ha coniato il metodo che prende il suo nome. Tra le parte più conosciute del metodo Wyckoff spiccano sicuramente le fasi di accumulo e distribuzione, intervallate da un trend rialzista e un trend ribassista. (Cryptonomist)

Al momento un Bitcoin vale 40'000 dollari, per una capitalizzazione attorno ai 750 miliardi di dollari, mentre un Ethereum vale 2'500 dollari per un valore totale di circa 300 miliardi. Nell'ultimo anno la seconda valuta digitale è cresciuta di valore in maniera vertiginosa (+1'000%). (Ticinonline)

BTC.com, la quinta più grande mining pool di Bitcoin per hash rate, si sta spostando in Kazakistan. Con le capacità disponibili al di fuori dalla Cina già sovraffollate, i miner potrebbero dover affrontare costi più elevati in altri paesi (Cointelegraph Italia)

Van Eck: la SEC rinvierà ancora l’approvazione degli ETF su Bitcoin. Van Eck comunque ipotizza che anche ad agosto la SEC rinvierà la decisione, prendendosi tutto il tempo necessario per deliberare, dato che l’ETF su bitcoin non è in cima alle loro preoccupazioni. (Cryptonomist)

Nel frattempo, Bitcoin sta per concludere il suo peggior trimestre dall’inizio del bear market del 2018, stando all’aggregatore di dati crypto Skew. In un commento a CNBC, Demirors ha sottolineato che Bitcoin è qui per restare, e dopo 200 giorni di espansione del mercato crypto è normale assistere a un calo dei prezzi. (Cointelegraph Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr