Microsoft rilascia i fix per Windows Server, 11 e 10

Punto Informatico SCIENZA E TECNOLOGIA

Le patch KB5010794 per Windows Server 2012 R2 e KB5010797 per Windows Server 2012 sono disponibili esclusivamente su Microsoft Update Catalog, mentre le altre possono essere scaricate anche da Windows Update (aggiornamenti opzionali)

Questo problema, presente in Windows Server, Windows 11 e Windows 10, è stato risolto con i rispettivi fix.

Tutte la patch “out-of-band” sono disponibili sul Microsoft Update Catalog, ma alcune possono essere scaricate da Windows Update. (Punto Informatico)

La notizia riportata su altre testate

Il mio suggerimento sempre valido resta sempre quello di aspettare due settimane prima di applicare le patch mensili mettendo in pausa Windows Update il secondo lunedì di ogni mese. Copiate le 5 righe successive in un file con estensione REG e con un doppio click il PC resterà per sempre su Windows 10 21H2 (iGizmo.it)

Tuttavia, Microsoft ha ora rilasciato un nuovo aggiornamento che mira anche a risolvere gli errori di connessione VPN. (Italnews)

La nuova versione disponibile al download per tutti gli utenti che utilizzano la versione stabile di Windows 11 (in maniera facoltativa da Windows Update) viene identificata dal numero di build 22000.438 (KB5010795), come ogni aggiornamento cumulativo non porta nessuna nuova funzione ma solo ottimizzazioni e correzione di bug (compreso il bug legato alle connessioni VPN). (Plaffo)

Il mancatosembra essere prevalente sui sistemi Windows Server 2012 R2 con la visualizzazione di un messaggio d'errore che informa circa l'impossibilità di eseguire la macchina virtuale (l'non risulta in esecuzione). (IlSoftware.it)

Un aggiornamento “out of the band” per mettere una pezza a una raffica di bug provocati dall’ultimo aggiornamento per Windows. Pasticcio sulle VPN con gli aggiornamenti: Microsoft corre ai ripari. Alcuni problemi nell’ultima tornata di update per Windows hanno provocato degli “effetti collaterali” in alcune funzionalità. (Security Info)

Su tutte le versioni di Windows più recenti, in caso di utilizzo del componente http.sys , è quindi caldamente suggerita la tempestiva installazione della patch Microsoft Tutte le successive versioni di Windows e Windows Server sono invece vulnerabili perché la stessa funzionalità oggetto oggi di correzione mediante il rilascio di una patch ufficiale risulta oggi abilitata in modo predefinito. (IlSoftware.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr