Batterie al Litio-Zolfo, l'Università del Michigan promette una durata di 1.000 cicli

Batterie al Litio-Zolfo, l'Università del Michigan promette una durata di 1.000 cicli
HDmotori SCIENZA E TECNOLOGIA

Il motivo più comune per i cicli di vita ridotti nelle batterie al Litio-Zolfo è la formazione di dendriti che possono andare a ridurre sensibilmente la vita delle celle.

Sulla carta, infatti, promette di migliorare sensibilmente l'autonomia delle auto senza contare che lo Zolfo è un materiale che si può reperire facilmente.

C'è un problema, però, le batterie Litio-Zolfo si degradano facilmente.

Una tecnologia molto interessante è quella delle batterie Litio-Zolfo (Li-S). (HDmotori)

La notizia riportata su altri giornali

Crédit Agricole Italia e Leasys Rent. Grazie a questa partnership i clienti che apriranno il Conto Online Crédit Agricole entro il 17 febbraio. potranno ricevere un esclusivo pass virtuale della durata di 6 mesi per un abbonamento al servizio LeasysGO! (Sardegna Reporter)

Per dimostrare l'efficacia della sua batteria, Nanotech ha eseguito una serie di test che dimostrano una maggiore stabilità termica ed un rischio di incendio praticamente nullo. Nanotech è stata in grado di realizzare degli elettrodi di grafene, ovvero il terminale positivo (catodo) e quello negativo (anodo) della batteria. (HDblog)

La batteria litio-zolfo di nuova concezione statunitense potrebbe risolvere uno dei grossi limiti di questa soluzione, ossia il bassissimo numero di cicli di carica/scarica. Se la soluzione si dimostrerà valida, auto elettriche, monopattini, scooter, hoverboard e altri veicoli a zero emissioni potrebbero quintuplicare la loro autonomia (TuttoTech.net)

Batterie “solide”, l’elettrolita gommoso allunga la vita

ricercatori del Georgia Institute of Technology potrebbero aver trovato un'alternativa promettente e più efficiente alle tradizionali batterie agli ioni di litio, utilizzando un materiale assai comune: la gomma. (AGI - Agenzia Italia)

Le nuove batterie pensate per le auto elettriche sono cinque volte più potenti grazie ad un rivestimento ispirato alle membrane biologiche presenti in natura. Lo hanno quindi utilizzato per migliorare le nuove batterie dei veicoli elettrici, quelle in litio-zolfo. (Tecno Android)

Gli ingegneri della Georgia Tech hanno risolto alcuni problemi comuni delle batterie allo stato solido utilizzando nuovi elettroliti elastomerici. Una delle alternative più promettenti è costituita dalle batterie allo stato solido, che impiegano per l’appunto elettroliti solidi come i materiali ceramici inorganici. (Rinnovabili)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr