Usa, Trump procede con le ‘purghe’ nella magistratura: “I cattivi fuori dal nostro…

Il Fatto Quotidiano Il Fatto Quotidiano (Esteri)

Gli avversari di Trump attaccano affermando che mai dai tempi del Watergate si era vista un’interferenza politica nella giustizia così eclatante.

Per questo i quattro procuratori federali a cui era stato assegnato il caso avevano proposto una pena severa, da 7 a 9 anni di carcere.

Se ne è parlato anche su altri giornali

Un segnale che anche il partito del presidente è preoccupato delle continue interferenze di Trump nelle questioni giudiziarie. "Non mi farò bullizzare o influenzare da nessuno", ha detto Barr nell'intervista a Abc News, includendo nella lista "il Congresso, i giornali, gli editoriali, o il presidente. (Adnkronos)

Nominato da Trump, ha assunto la guida del Dipartimento di Giustizia esattamente un anno fa, il 14 febbraio 2019. Nel novembre scorso Stone è stato giudicato colpevole per falsa testimonianza davanti alla Commissione Intelligence del Congresso. (Corriere della Sera)

È polemica negli Stati Uniti per gli attacchi a Pete Buttigieg, candidato alle primarie dem in vista di Usa 2020. Se vincesse, Buttigieg diventerebbe il primo presidente apertamente gay nella storia Usa. (Sky Tg24 )

Il Patrimonio di Donald Trump. Secondo le autorevoli stime delle riviste Bloomberg e Forbes, il patrimonio di Donald Trump si aggirerebbe intorno ai 3-4 miliardi di dollari. Prima di annunciare la propria candidatura, invece, aveva diffuso un resoconto delle sue finanze in cui si attribuiva un patrimonio netto di circa 8,7 miliardi dollari. (Termometro Politico)

Un cortocircuito inatteso, quello andato in scena negli USA. In difesa di Buttigieg anche Joe Biden, suo rivale democratico nella corsa alla Casa Bianca: “Avete appena sentito Rush Limbaugh, mio Dio, è parte della depravazione di questa amministrazione. (Gay.it)

“Il presidente dovrebbe dare ascolto all’Attorney General”, ha detto McConnell intervistato dall’emittente Fox News, tradizionalmente schierata con il partito repubblicano. Barr ha anche detto di essere “naturalmente” consapevole che le sue parole potrebbero non piacere al presidente, ma anche il partito repubblicano è preoccupato delle continue interferenze di Trump nelle questioni giudiziarie. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti