L'Africa ha bisogno di pace e non di violenza. Papa Francesco prega per le vittime della strage in Burkina Faso

L'Africa ha bisogno di pace e non di violenza. Papa Francesco prega per le vittime della strage in Burkina Faso
Per saperne di più:
Farodiroma ESTERI

Quello avvenuto a Solhan, nel nord del Burkina Faso è l’attacco più sanguinoso dall’inizio delle violenze jihadiste nel Paese nel 2015.

Venerdì sera altre 14 persone sono state uccise nel villaggio di Tadaryat, sempre nel nord del Burkina Faso

Sono vicino ai famigliari e al popolo del Burkina Faso che sta soffrendo molto a causa di ripetuti attacchi”.

Il presidente del Burkina Faso, Roch Marc Christian Kabore, ha definito l’attacco “barbarico” e ha proclamato tre giorni di lutto nazionale. (Farodiroma)

Se ne è parlato anche su altri media

Solhan - È il più violento dal 2015 - Distrutte anche alcune case e il mercato del villaggio. Condividi la notizia:. . . . . . Solhan – Drammatico attentato terroristico nel nord del Burkina Faso. Almeno cento persone sono state ucciso nell’attacco, ma secondo altre fonti il bilancio potrebbe essere anche peggiore. (Tuscia Web)

Leggi anche. Lo stato costiero del Burkina Faso ha ripetutamente sofferto per l’invasione del paese da parte di gruppi islamisti dal vicino Mali BAlmeno 138 persone sono morte in un attacco nel nord del Burkina Faso. (Toscana Calcio)

Si tratta della maggiore strage da quando, nel 2015, è iniziata l'insurrezione jihdista nel nord del Burkina Faso. «Desidero assicurare la mia preghiera per le vittime della strage compiuta la notte tra venerdì e sabato nel Burkina Faso (Bluewin)

Massacro jihadista in un villaggio: «Un centinaio le vittime»

A Solhan, durante la notte scorsa, individui armati hanno preso di mira ausiliari civili dell'esercito, poi case e il mercato sono stati bruciati. Intanto in Burkina Faso, uno dei Paesi più poveri al mondo, sono stati indetti tre giorni di lutto nazionale. (Sky Tg24 )

Si tratta dell’attentato più sanguinoso dal 2015. In seguito all’attacco, il presidente Roch Kaboré ha decretato 72 ore di lutto nazionale fino a lunedì (Il Fatto Quotidiano)

«Piego il capo in ricordo delle centinaia di vittime civili di questo barbaro attacco ed invio le mie condoglianze alle loro famiglie. Il presidente del Burkina Faso, Roch Kaboré, è rimasto scioccato dall’efferatezza dimostrata dai jihadisti che hanno colpito il villaggio di Solhan, nel nord-est del Paese vicino al confine con il Niger, «uccidendo almeno 100 civili». (Avvenire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr