Richiamo, la Oss Stefania, 41 anni: «Non dovete aver paura di AstraZeneca»

ilgazzettino.it ECONOMIA

Il vero problema sta nella gestione dei consigli di somministrazione del vaccino AstraZeneca che ha via via portato i pazienti a vestire i panni dei medici

«Ho visto con i miei occhi una figlia rifiutare questo vaccino per i genitori – racconta Stefania Centorame - La mia opinione è che non bisogna avere paura».

«Io mi sono vaccinata come volontaria della Croce rossa – racconta Stefania – perché al momento come Oss non ho un posto di lavoro. (ilgazzettino.it)

Ne parlano anche altri giornali

Vaccino Covid AstraZeneca, Ema: nessun fattore di rischio specifico. Da settimane il vaccino Covid AstraZeneca è oggetto di dibattito, e gli enti che si occupano della sicurezza del farmaci, come Ema e Aifa, hanno rivisto più volte il loro parere sul farmaco, modificando il foglietto illustrativo che specifica effetti collaterali ed eventuali sintomi da tenere d’occhio dopo la somministrazione. (L'Occhio)

Questo perché, al di là degli annunci, il piano è ancora molto in ritardo sulla tabella di marcia. Allo stato attuale tra la prima dose e il richiamo sono fissati 21 giorni per il vaccino Pfizer e 28 per il Moderna. (Il Primato Nazionale)

Le vaccinazioni verranno somministrate nell’area allestita al Pala Dean Martin. 13.834):. CAREGIVER 518. DISABILE 104 art.3 comma3 260. FARMACISTI 30. (PescaraPost)

Il 7 e il 9 invece sarà somministrata la seconda dose di Pfizer ai malati rari e ai loro caregiver. La Asl di BT, ad esempio, comunica: è cominciata oggi la somministrazione delle seconde dosi al personale scolastico: le vaccinazioni sono state programmate su tutto il territorio e sono stati richiamati i docenti vaccinati a febbraio. (Tecnica della Scuola)

La media delle somministrazioni di vaccini in Italia tra il 28 aprile e il 4 maggio, sulla base dei dati aggiornati, è di 433.655 dosi inoculate al giorno. Siamo quindi sotto alle 500.000 promesse dal commissario Francesco Paolo Figliuolo. (La Verità)

Al secondo livello, gli stati acquistano le dosi secondo i quantitativi e le condizioni fissate negli accordi. Il giudice belga dovrà quindi affrontare il tema molto delicato della configurazione del possibile inadempimento contrattuale di AstraZeneca nell’ambito del perimetro interpretativo definito dalla clausola di best reasonable efforts. (Lavoce.info)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr