Lutto nazionale in Libano dopo gli scontri a Beirut, da Usa e Onu appello alla calma

Sky Tg24 ESTERI

Vicinanza Usa leggi anche Libano, scontri a Beirut.

A proclamare la giornata di chiusura generale in segno di lutto è stato il premier Najib Miqati, tornato al potere da appena un mese.

Il portavoce del Dipartimento di Stato statunitense si è detto vicino alle azioni del governo, mentre l'Onu invita a cessare le violenze Condividi:. Giornata di lutto nazionale in Libano all'indomani delle scene da guerra civile avvenute a Beirut, dove si sono contati almeno sei morti e una trentina di feriti. (Sky Tg24 )

La notizia riportata su altre testate

Il mese scorso il gruppo militante terroristico di Hezbollah ha portato carburante iraniano nel paese per alleviare la carenza. Da circa una settimana il Libano è rimasto senza elettricità e questo lascia il Paese dei Cedri al buio e preda di una grave crisi economica. (ResegoneOnline)

Supporters of the Shiite Amal group fire weapons in the air during the funeral processions of Hassan Jamil Nehmeh, who was killed during yesterday clashes, in the southern Beirut suburb of Dahiyeh, Lebanon, Friday, Oct La tensione rimane alle stelle e, come al solito in questi casi, si scontrano narrative diverse su quanto avvenuto». (Domani)

Ieri sono scoppiati scontri a fuoco a Beirut, in piazza Tayyoune, che hanno portato, per ora, il bilancio a sette morti e 30 feriti Advertisement. “Siamo impauriti da ciò che può succedere”. Il racconto da Beirut del nostro collaboratore. (politicamentecorretto.com)

Hezbollah e Amal, da giorni quindi hanno avviato una campagna contro il procuratore, per bloccare la sua inchiesta e sostituirlo. Si torna a sparare e ad uccidere in Libano, un Paese ormai in ginocchio per la povertà. (TGNEWS24)

Ma Tehran non ha i soldi per fare altro e il Libano muore di fame. Il golpe dunque deve essere permanente, le imminenti elezioni politiche cancellate, il Libano deve dissolversi in un’apparenza mentre esiste solo Hezbollah. (articolo21)

Non essendoci più quattrini, non si possono importare né petrolio né gas e, quindi, le centrali elettriche non producono energia. Israele, di certo, vigila e non permetterà, meglio non vorrebbe né potrebbe permettere la vittoria finale di hezbollah e amal (Italia Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr