Il tesoriere dell’associazione Luca Coscioni si era autodenunciato ai carabinieri di Milano

Il tesoriere dell’associazione Luca Coscioni si era autodenunciato ai carabinieri di Milano
Più informazioni:
Yahoo Eurosport IT INTERNO

Cinque anni fa e sempre presso la stessa caserma, Cappato si autodenunciò per la vicenda di dj Fabo, al secolo Fabiano Antoniani

Aveva detto Cappato: “Dirò che senza il mio aiuto Elena non sarebbe potuta giungere in Svizzera e aggiungerò che aiuteremo anche le altre persone nelle sue stesse condizioni che ce lo chiederanno”.

Il tesoriere dell’associazione Luca Coscioni si era autodenunciato ai carabinieri di Milano e la Procura del capoluogo lombardo lo ha iscritto a registro per il suo ruolo nella morte volontariamente scelta dalla 69enne della provincia di Venezia malata terminale di tumore che aveva deciso di ricorrere al suicidio assistito. (Yahoo Eurosport IT)

La notizia riportata su altre testate

Questo infatti garantiscono le cure palliative, che sono a risposta più importante che possiamo offrire ai malati terminali. E le scuole di specializzazione in cure palliative sono state istituite appena quest’anno, «andrà bene se le vedremo decollare il prossimo». (Avvenire)

Milano, 4 ago. (askanews) – Il tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, è indagato a Milano per aver accompagnato in Svizzera la signora Elena, una 69enne veneta affetta da tumore polmonare irreversibile con metastasi, a morire con la procedura del suicidio assistito. (Agenzia askanews)

Insomma, a parte la volontà di morire e l’aiuto di Marco Cappato, non ci sono altri punti in comune con la situazione di dj Fabo. L’assistenza fornita da Marco Cappato è una provocazione, secondo lei? (Diocesi di MIlano)

Marina Welby e il suicidio assistito di Elena: «Non si può impedire la morte allungando all'infinito il dolore»

Il bivio tra disperazione e speranza. Voleva risparmiarsi un inferno, la sofferenza estrema della fase terminale della sua malattia. Da italiana si trova in Svizzera, dice la signora Elena nel video messaggio che ha voluto lasciare come testamento. (Aleteia)

IL CASO Eutanasia, l'appello del sindaco di Spinea: «Ora su Elena. Il tesoriere della associazione Luca Coscioni è accusato di aiuto al suicidio in merito al caso della signora Elena, malata terminale di cancro ma ancora autosufficiente, accompagnata a morire in Svizzera con il suicidio assistito. (ilgazzettino.it)

Tutti i comuni Abano Terme Agna Albignasego Anguillara Veneta Arquà Petrarca Arre Arzergrande Bagnoli di Sopra Baone Barbona Battaglia Terme Boara Pisani Borgoricco Bovolenta Brugine Ca' Morosini Cadoneghe Campo San Martino Campodarsego Campodoro Camposampiero Candiana Carceri Carmignano di Brenta Cartura Casale di Scodosia Casalserugo Castelbaldo Cervarese Santa Croce Cittadella Codevigo Conselve Correzzola Curtarolo Due Carrare Este Fontanafredda Fontaniva Galliera Veneta Galzignano Gazzo Grantorto Granze Legnaro Limena Loreggia Lozzo Atestino Maserà di Padova Masi Massanzago - Ca' Baglioni Megliadino San Vitale Merlara Mestrino Monselice Montagnana Montegrotto Terme Noventa Ospedaletto Euganeo Padova Pernumia Piacenza d'Adige Piazzola sul Brenta Piombino Dese Piove di Sacco Polverara Ponso Ponte San Nicolò Pontelongo Pozzonovo Rubano Saccolongo Saletto San Fidenzio San Giorgio delle Pertiche San Giorgio in Bosco San Martino di Lupari San Pietro Viminario San Pietro in Gu Sant'Angelo di Piove di Sacco Sant'Elena Santa Giustina in Colle Santa Margherita d'Adige Saonara Selvazzano Dentro Solesino Stanghella Terrassa Padovana Tombolo Torreglia Trebaseleghe Tribano Urbana Veggiano Vescovana Vighizzolo d'Este Vigodarzere Vigonza Villa Estense Villa del Conte Villafranca Padovana Villanova Vò (Il Mattino di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr