Morto Viktor Bryukhanov, primo e unico direttore della centrale nucleare di Chernobyl

Notizie.it ESTERI

Viktor Bryukhanov è morto all’età di 85 anni: l’uomo è stato il primo e unico direttore della tristemente nota centrale nucleare di Chernobyl.

Il primo e unico direttore della centrale nucleare di Chernobyl, Viktor Bryukhanov, è deceduto all’età di 85 anni: la notizia è stata diramata dalla direzione stessa del sito.

Morto Viktor Bryukhanov, direttore della centrale nucleare di Chernobyl: condanna. (Notizie.it )

Se ne è parlato anche su altre testate

Giovedì 14 Ottobre 2021, 14:03 - Ultimo aggiornamento: 14:17. APPROFONDIMENTI IL CASO Chernobyl: sequestrate le prime 1.500 bottiglie di Atomik MONDO Cina, minaccia radioattiva «imminente» LA DENUNCIA Chernobyl, è allarme: il reattore 4 si è svegliato. (Il Messaggero)

MeteoWeb. Come emerso da documenti recentemente declassificati in Ucraina, nel primo rapporto che scrisse subito dopo l’esplosione, Bryukhanov assicurò le autorità che i livelli di radiazione erano “sotto controllo“ (MeteoWeb)

È in occasione del 35esimo anniversario del disastro nucleare di Chernobyl che a Bussero si terranno due eventi dedicati al ricordo della tragedia che ha coinvolto un’intera popolazione, rinnovando così anche l’impegno decennale della comunità di Bussero. (Fuoridalcomune.it)

Fu poi condannato, dal Tribunale supremo dell'Urss, a dieci anni di carcere dopo essere stato giudicato colpevole di violazioni della sicurezza. Addio a Viktor Bryukhanov: fu il direttore della centrale nucleare di Chernobyl, a capo dell'impianto nel momento del disastro e dei primi sforzi per contenerne le conseguenze, nel 1986. (ilmattino.it)

Fu poi condannato, dal Tribunale supremo dell’Urss, a dieci anni di carcere dopo essere stato giudicato colpevole di violazioni della sicurezza. Viktor Bryukhanov, direttore della centrale nucleare di Chernobyl, a capo dell’impianto nel momento del disastro e dei primi sforzi per contenerne le conseguenze, nel 1986, è morto all’età di 85 anni, ha reso noto la direzione del sito. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr