Long Covid e fibromialgia: il legame scoperto dagli esperti del Rizzoli di Bologna

Long Covid e fibromialgia: il legame scoperto dagli esperti del Rizzoli di Bologna
il Resto del Carlino SALUTE

Mentre l'obesità è un noto fattore predisponente per la fibromialgia e per le malattie muscoloscheletriche in generale, il sesso maschile è generalmente meno interessato da questa condizione"

A individuarlo è uno studio coordinato dalla Reumatologia dell'Istituto ortopedico Rizzoli (Ior).

Roma, 11 ottobre 2021 - C'è un possibile legame tra Covid-19 e fibromialgia.

A far scattare il campanello d'allarme è stata l'escalation di pazienti che, dopo aver contratto la malattia Covid-19, lamentavano sintomi articolari tra cui dolore, gonfiore e rigidità. (il Resto del Carlino)

Su altre testate

“Mentre l’obesità è un noto fattore predisponente per la fibromialgia e per le malattie muscoloscheletriche in generale- spiegano i ricercatori- il sesso maschile è generalmente meno interessato da questa condizione”. (Quotidiano Sanità)

In particolare il rischio sarebbe maggiore per gli ex pazienti di Covid di sesso maschile e obesi. Allo studio hanno contribuito importanti centri di reumatologia italiani, Università dell'Aquila, Università Campus Biomedico di Roma, Università di Torino (Sky Tg24)

FibroCOVID: ecco come uno studio del Rizzoli è arrivato a svelare i legami tra Covid e fibromialgia

Obbiettivo della ricerca la valutazione del potenziale ruolo del COVID-19 come fattore predisponente allo sviluppo di fibromialgia, avendo i ricercatori constatato il crescente afflusso agli ambulatori di reumatologia di pazienti che, dopo aver contratto la malattia COVID-19, lamentavano sintomi articolari tra cui dolore, gonfiore e rigidità. (BolognaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr