Covid: ministero, 'infezione dopo prima dose, no richiamo se avvenuta oltre 14 giorni'

Covid: ministero, 'infezione dopo prima dose, no richiamo se avvenuta oltre 14 giorni'
LiberoQuotidiano.it SALUTE

10 settembre 2021 a. a. a. Roma, 10 set.

La 'schedula' vaccinale è da considerarsi completata in quanto l'infezione è equivalente alla somministrazione della seconda dose, ma il secondo vaccino non è comunque controindicato.

"In caso di infezione invece entro il 14esimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, la seconda dose andrà effettuata entro i sei mesi dalla data del primo test molecolare positivo"

(Adnkronos Salute) - Chi ha contratto un'infezione da Sars-Cov-2 oltre il 14esimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, non dovrà sottoporsi alla seconda. (LiberoQuotidiano.it)

Ne parlano anche altre fonti

“Parlare di immunità di gregge con l’80 per cento di vaccinati, non è più possibile. Il membro del Cts si dice quindi favorevole a estendere il certificato verde a tutti i lavoratori, definendolo “un passo necessario (Virgilio Notizie)

Ma la via per raggiungere l’obiettivo, per il membro del Cts, non è necessariamente quella dell’obbligo vaccinale L’unica alternativa all’obbligo del Green pass , ha aggiunto, “è ricorrere di nuovo a chiusure e limitazioni. (Sky Tg24 )

Addio all'immunità di gregge, anche con l'80% di vaccinati. È quello che pensa il componente del Cts Fabio Ciciliano e, per questo secondo lui, è necessaria un'espansione del green pass per aumentare il numero dei vaccinati e allontanare lo spettro di nuovi lockdown. (Sputnik Italia)

Covid, Ciciliano (Cts): "Non più sufficiente 80% vaccinati"

Tema spinoso è l’obbligo vaccinale e Fabio Ciciliano non ha nascosto che da un punto di vista epidemiologico garantirebbe il risultato, ma solo in teoria. La conferma arriva da Fabio Ciciliano, membro del Comitato scientifici, ai microfoni del Corriere della Sera: «Parlare di immunità di gregge con l’80 per cento di vaccinati, non è più possibile. (Il Sussidiario.net)

In base alle indicazioni ministeriali, in caso di infezione da SARS-CoV-2 confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) entro il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose, il completamento del ciclo vaccinale con una seconda dose va effettuato entro sei mesi (180 giorni) dall’infezione documentata (data del primo test molecolare positivo). (BolognaToday)

Così al 'Corriere della Sera' Fabio Ciciliano, componente del Cts, in rappresentanza del dipartimento di Protezione civile, secondo cui l'estensione dell'obbligo di green pass è necessaria. Secondo il membro del Comitato tecnico scientifico, dunque “serve un numero di vaccinati ancora maggiore. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr