Saman sentì il discorso della madre «Parlavano della mia uccisione»

Saman sentì il discorso della madre «Parlavano della mia uccisione»
La Gazzetta di Reggio INTERNO

Negli ultimi giorni, nella cascina di Novellara, con i genitori e il fratello la tensione era fortissima.

«L’ho sentito con le mie orecchie, ti giuro che stavano parlando di me.», racconta Saman al fidanzato.

Saman era arrivata a dirgli che, se non si fosse fatta sentire per due giorni, avrebbe dovuto allertare le forze dell’ordine.

Secondo quanto hanno potuto ricostruire i carabinieri, quella sera stessa si consuma l’ennesimo violento litigio tra Saman e i genitori

Lo ha raccontato il fidanzato della giovane nelle sue precise testimonianze ai carabinieri. (La Gazzetta di Reggio)

Ne parlano anche altre testate

A parlare è Mariafrancesca Sidoli, assessora alla valorizzazione della città storica, e i due mondi che si incontrano sono la Reggio di ieri e quella di oggi. Due mondi che oggi in piazza San Prospero i reggiani potranno vedere, sbirciare, immaginare, sognare. (La Gazzetta di Reggio)

n albanese di 26 anni, residente in città, è stato arrestato sabato a Reggio Emilia perché gravemente indiziato di due episodi di violenza sessuale denunciati nei giorni scorsi in altrettanti parchi pubblici. (La Gazzetta di Reggio)

In Belgio non c’è», ha affermato ieri la procuratrice Isabella Chiesi. Nel registro degli indagati ci sono cinque nomi di parenti della diciottenne: lo zio Danish Hasnain (33); il padre Shabbar Abbas (46); la madre Nazia (Il Manifesto)

'Ndrangheta, il pentimento del boss ora è un giallo. VIDEO

Nei mesi di giugno e luglio 15 spettacoli tra il Valli e i palchi allestiti in piazza Martiri del 7 Luglio e ai Chiostri di San Pietro. Tre i palcoscenici: due a cielo aperto – Chiostri di San Pietro e piazza Martiri del 7 luglio – e quello del Teatro Municipale Valli. (Reggionline)

Le è stato fatto credere che il viaggio in Pakistan fosse solo per il resto della famiglia e non per lei”. In Belgio non c’è, il padre ha mentito. (Reggionline)

Reggio Emilia. processo Aemilia. 'ndrangheta. mafia. Catanzaro. Cutro. Nicolino Grande Aracri. pentimento Nei giorni scorsi, il 26 maggio, la Cassazione, ha confermato l’ergastolo a Grande Aracri considerato il mandante di quattro omicidi avvenuti agli inizi del 2000 in Calabria. (Reggionline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr