Alfredino 40 anni dopo: gli dobbiamo ancora molto

Alfredino 40 anni dopo: gli dobbiamo ancora molto
Altri dettagli:
ilmessaggero.it INTERNO

La tragica fine di Alfredo Rampi, da tutti adottato in una interminabile sequenza di angoscia come Alfredino, ripropone intatti, dopo quarant’anni, i nodi, gli errori, le manchevolezze di un’azione segnata dal dolore e dalla speranza.

Ad Alfredino dobbiamo ancora qualcosa

Ce lo ricorda Franca Rampi, la mamma che ha trasformato il suo lutto in impegno civile.

C’erano su quel pozzo maledetto gli occhi di trentasei milioni di spettatori, chiamati per la prima volta a una diretta tv senza fine. (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altri giornali

Ci sono tante storie dentro un pomeriggio di quarant’anni fa che è andato avanti tre giorni e che nessuno ha potuto dimenticare. LA TELEVISIONE. Da 12 a 30 milioni di italiani nei tre giorni seguirono in diretta sulla Rai a reti unificate i tentativi di recupero (Vanity Fair Italia)

“Il Centro Rampi nacque il 20 giugno 1981, pochissimi gironi dopo l’evento di Vermicino, e dopo pochissimi giorni la signora Rampi lanciò ai cittadini un appello: cosa possiamo fare per far sì che incidenti simili non possano accadere più? (RomaToday)

Si lavora senza sosta da quella sera del 10 giugno per tre giorni e tre notti. E infatti Alfredino Rampi inciampa e precipita in un pozzo artesiano in via Vermicino. (IL GIORNO)

Alfredino Rampi, 40 anni fa la tragedia di Vermicino che scosse l'Italia

– riflette oggi Badaloni – Ci rendemmo conto progressivamente che quel fatto di cronaca locale stava diventando un evento, un evento anche televisivo e che avrebbe fatto la storia della televisione. (Fanpage.it)

Dopo quasi tre giorni di inutili tentativi di salvataggio, il bambino morì dentro il pozzo a una profondità di circa 60 metri. Alfredino Rampi, 6 anni, cadde in un pozzo artesiano il 10 giugno del 1981. (varesenews.it)

Il bimbo era precipitato in una voragine di 28 cm, profonda 80 metri, con pareti irregolari, sporgenze e rientranze. A mezzanotte si scoprì che il bambino era caduto in un pozzo artesiano a Vermicino, una piccola frazione di campagna vicino Frascati (Roma). (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr