Letta a Draghi: "Insoddisfazione per metodo Salvini, serve rispetto"

Letta a Draghi: Insoddisfazione per metodo Salvini, serve rispetto
Adnkronos INTERNO

I temi trattati nell'incontro, oltre a Recovery, sono stati quelli legati alla "fase due e alla ricostruzione del Paese".

Per loro, il Pd indica tre priorità: casa, lavoro e sostegno psicologico per i danni da Covid

"Insoddisfazione per il 'metodo Salvini'" è stata espressa da Enrico Letta a Mario Draghi nell'incontro di oggi.

Il Partito democratico ha quindi espresso "soddisfazione per i tempi e i contenuti del Pnnr inviato a Bruxelles", spiegano ancora le fonti. (Adnkronos)

Ne parlano anche altri giornali

Così il leader della Lega, parlando in conferenza stampa alla Camera delle proposte della Lega per l'agricoltura. «La Lega difende l'agricoltura italiana, che è un grandissimo patrimonio, in Italia e in Europa da aggressioni esterne» (leggo.it)

Il tema dove Draghi incontrerà più difficoltà è dunque quello relativo alla governance del Pnrr. Deve per forza trattarsi di un’operazione transitoria, perché i sostegni, se prolungati, rischiano di “addormentare” piuttosto che rinvigorire l’economia. (Il Sussidiario.net)

“Sui giovani - ha dichiarato Letta - il Pd chiede un impegno in 3 direzioni: la casa, l’occupazione, e il sostegno psicologico ai ragazzi per i danni causati dal lockdown e dalla dad”. È la concretezza” ha dichiarato ad Affaritaliani. (L'HuffPost)

Rai, Draghi prepara la rivoluzione: nuovo ad senza sentire i partiti

Basterebbe calendarizzare uno dei tanti disegni di riforma già depositati in Parlamento e discuterlo. Mario Draghi, fanno sapere fonti degne di questo nome, non ha intenzione di accelerare sul ricambio dei vertici Rai. (L'HuffPost)

L’asse Pd-M5s si ritrova anche sulla riforma della governance Rai, una nuova riforma dopo quella firmata dal governo Renzi. E si registra in modo evidente su tre temi chiave come giustizia, cda Rai e disegno di legge Zan. (Tiscali Notizie)

Di tempo però non ce n'è molto. Il premier preferisce far decantare la situazione e veder diradare i fumi delle artiglierie prima di aprire il dossier sulle nomine della tv pubblica. (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr