Ex Ilva Taranto, arrestato l'avvocato Piero Amara. Obbligo di dimora per Capristo

Quotidiano.net INTERNO

Il filone dell'inchiesta riguarda l'ex Ilva di Taranto per presunti favori ad un imprenditore nei rapporti di lavoro con l'azienda siderurgica

La Procura di Potenza ha infatti disposto nuove misure cautelari, nell'ambito di un'inchiesta che riguarda presunte irregolarità commesse dall'ex procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo, in indagini sull'ex Ilva.

Amara è stato consulente legale di Ilva quando l'azienda era in amministrazione straordinaria e, in tale veste, avrebbe avuto rapporti con Capristo. (Quotidiano.net)

La notizia riportata su altri media

I fatti contestati risalgono al periodo nel quale Capristo era procuratore a Taranto. Il legale siciliano, secondo le accuse, è stato "soggetto attivo della corruzione in atti giudiziari sia a Trani che a Taranto". (L'Unione Sarda.it)

Amara nelle scorse settimane era diventato un caso politico-giudiziario per le sue rivelazioni sulla loggia Ungheria ai magistrati milanesi, che indagavano sul “falso complotto Eni” (Il Riformista)

Nella sentenza fu condannato adi carcere l'altro magistrato traneseI fatti contestati risalirebbero al periodo nel quale Capristo - già arrestato a maggio 2020 nell'ambito di un'altra inchiesta giudiziaria e dopo tornato libero mentre era a processo - era procuratore capo a Taranto e riguarderebbero anche un patteggiamento legato all'ex Ilva (MolfettaViva)

Caos Procure: inchiesta Potenza, Amara arrestato in filone ex Ilva

Amara, l’uomo al centro dello scandalo verbali che ha travolto il Csm, è stato consulente legale di Ilva quando l’azienda era in amministrazione straordinaria e, in tale veste, avrebbe avuto rapporti con Capristo. (Il Dubbio)

Quei rapporti, secondo i magistrati, avrebbero avuto presunti aspetti illeciti da approfondire. E’ stato arrestato anche un poliziotto, Filippo Paradiso: avrebbe fatto da tramite tra Capristo e Amara (SiracusaOggi.it)

L'ex procuratore della Repubblica di Taranto, Carlo Maria Capristo, è da oggi sottoposto all'obbligo di dimora su decisione della Procura di Potenza. Al rientro in ufficio, dopo essere stato a Potenza, Capristo non lo aveva salutato. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr