Muore dopo la dose unica di Pfizer: Mattia aveva 31 anni

La Pressa ECONOMIA

Mattia Brugnerotto, piazzaiolo di Asiago, aveva 31 anni.

E’ stata proprio la mamma, nella tarda mattinata di sabato, a trovare il giovane senza vita nel suo letto.

Mattia ('Meci' per gli amici) aveva già contratto il Covid e per lui era dunque stata disposta una dose unica.

E' stata disposta l'autopsia che si terrà domani.Il pubblico ministero Luigi Salvadori ha aperto un fascicolo a carico di ignoti per omicidio colposo

E' morto nel sonno il 31 luglio, dopo aver ricevuto il giorno prima la dose di vaccino Pfizer Biontech, come riporta la Voce di Venezia : la mattina del 30 luglio si era infatti recato al punto vaccini insieme alla madre per sottoporsi al trattamento sanitario. (La Pressa)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il vaccino Pfizer non è, in realtà, un vaccino Pfizer: lo ha ideato e realizzato un'azienda tedesca, la Biontech. Negli anni scorsi, Big Pharma ha fatto incetta di start-up con promesse di innovazione nel campo della genetica (Tiscali Notizie)

la scorsa settimana è stata Israele è il primo paese al mondo a fornire una terza dose di vaccino a parti della popolazione. Quindi ha esortato gli anziani del paese a visitare le cliniche per le vaccinazioni per prendere una nuova dose. (TecnoSuper.net)

Così facendo, utilizzando i consueti canali prenotativi si avrà la possibilità di effettuare una prenotazione classica o, fino ad esaurimento degli spazi prenotativi disponibili, anche la prenotazione last minute coi due vaccini. (Ferrara24ore)

Il centro è gestito dai medici di medicina generale AFT 3 con il supporto sanitario e amministrativo dei volontari della Gopi Anpas di Caggiano Domani pomeriggio presso il Centro vaccinale Colibrì di Caggiano saranno somministrate le prime dosi di Pfizer anche per la fascia di età 12-17 anni registrati in piattaforma e convocati tramite mail. (Italia2TV)

– Prosegue la campagna vaccinale dell’Asl Napoli 1 Centro con un nuovo open day, giovedì 5 agosto, dalle 8 alle 18, alla Fagianeria del Real Bosco di Capodimonte, in cui verranno inoculate 1500 prime dosi Pfizer (Dire)

Il Centro è gestito dai medici di medicina generale AFT3 con il supporto sanitario e amministrativo dei volontari della GOPI Anpas di Caggiano Lo fa sapere l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Modesto Lamattina. (ondanews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr