Le novità sulle assicurazioni auto familiari

Le novità sulle assicurazioni auto familiari
AGI - Agenzia Italia AGI - Agenzia Italia (Interno)

Il declassamento di cinque classi di merito si applicherà unicamente ai soggetti beneficiari dell’assegnazione della classe di merito più favorevole.

Nel caso in cui il beneficiario della polizza familiare con veicolo di diverso tipo, quindi moto o motorino, provochi un incidente con colpa con danni superiori ai cinquemila euro potrà subire alla successiva stipula un declassamento.

La notizia riportata su altri giornali

''Sull'Rc Auto familiare arriva oggi la prima ammissione circa l'intenzione delle compagnie assicurative, già denunciata dal Codacons, di aumentare le tariffe per eludere le norme che entreranno in vigore il prossimo 16 febbraio''. (Adnkronos)

Unica condizione è che chi vuole passare da una classe di merito all'altra (quella più bassa) non deve aver avuto incidenti negli ultimi cinque anni. Assicurazione auto, si parte con le nuove polizze Rca formato famiglia. (Corriere dell'Umbria)

L'Rc auto familiare vale anche da auto ad auto. Nessun rinvio dunque per l'Rc auto familiare. (Il Messaggero)

Una situazione che, secondo quanto emerso dall'indagine, riguarderà il 18% dei rispondenti, pari a circa tre milioni di famiglie. LEGGI ANCHE Assicurazioni online aumentate del 6 per cento nel 2019. IL MALUS — A poche ore dall'entrata in vigore della formula Rc familiare le Commissioni della Camera hanno però inserito un rischio “malus”. (La Gazzetta dello Sport)

Fino a oggi la responsabilità civile autoveicoli prevedeva solo il meccanismo di 'bonus', adesso ecco la novità con l’emendamento del dem Claudio Mancini riformulato dal Mise. La riformulazione voluta dal Ministero dello sviluppo economico ha chiesto che il ‘malus’ sia invece individuale. (Sky Tg24 )

Più che portare risparmi (obiettivo con cui il Movimento 5 Stelle ha promosso la norma), le regole potrebbero portare nuovi aumenti per tutti. Dal 16 febbraio entrano in vigore le nuove norme sull’Rc auto. (Startmag Web magazine)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti