WhatsApp mette in guardia dalle app concorrenti

WhatsApp mette in guardia dalle app concorrenti
Telefonino.net SCIENZA E TECNOLOGIA

Alcune applicazioni concorrenti dichiarano di non poter vedere i messaggi degli utenti.

In un blog post, dove chiarisce nuovamente la sua posizione, il team di WhatsApp instilla il dubbio: sei così sicuro di cambiare servizio di messaggistica istantanea?

Altre applicazioni affermano di essere migliori perché hanno accesso a una quantità inferiore di dati rispetto a WhatsApp

Dopo l’annuncio di alcune modifiche alla privacy policy di WhatsApp, è stata bufera. (Telefonino.net)

Ne parlano anche altri giornali

In cosa consiste la truffa. La truffa del "codice a 6 cifre" che corre su Whatsapp sfrutta il codice univoco (costituito appunto da sei cifre) necessario per il trasferimento rapido dell’app di messaggistica quando cambiamo lo smartphone o il numero di telefono - spiega l’Avv. (BariToday)

L’applicazione cerca di fare chiarezza ricordando perchè gli utenti sono sicuri al suo interno. WhatsApp, l’allarme privacy preoccupa: il colosso chiarisce tutti i dubbi. Per smentire tutte le voci di pericolo per la propria privacy, WhatsApp ha deciso di rilasciare un lungo comunicato. (Inews24)

«Comprendiamo che in questo periodo alcune persone abbiano provato altre applicazioni di messaggistica per verificare quali opzioni offrono. I messaggi personali saranno sempre protetti dalla crittografia end-to-end, pertanto WhatsApp non potrà mai nè leggerli nè ascoltarli». (Gazzetta del Sud)

Come WhatsApp promuove ora il suo controverso aggiornamento privacy

A partire proprio dalla privacy, che è il primo tema affrontato nella pagina delle faq cui rimanda lo swipe-up inserito nelle stories comparse sui principali social network. Nessuno potrà insomma impicciarsi, garantiscono, di quello che inviamo e riceviamo su WhatsApp (Il Veggente)

Da sola l'utilizzo della crittografia end-to-end non può assicurare massima sicurezza e privacy per gli utenti: WhatsApp non è sicuro: Pavel Durov accusa di nuovo l'app di Facebook Durov ha sempre chiesto perché il sorgente di WhatsApp non sia pubblicamente disponibile e perché, addirittura, porzioni di codice dell'app risultino offuscate. (IlSoftware.it)

W. hatsApp sottolinea che "se un'applicazione non offre la crittografia end-to-end per impostazione predefinita, significa che i messaggi possono essere letti da terze parti ". Dopo un po', l'applicazione inizierà a ricordare agli utenti di controllare e accettare gli aggiornamenti per continuare a utilizzare WhatsApp (L'AntiDiplomatico)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr