Giovanni Paolo I sarà beato, riconosciuto il miracolo della guarigione di una undicenne - L'Unione Sarda.it

Giovanni Paolo I sarà beato, riconosciuto il miracolo della guarigione di una undicenne - L'Unione Sarda.it
L'Unione Sarda.it INTERNO

Figlio di un operaio socialista, Albino viene ordinato prete nel 1935 e nel 1958 viene nominato vescovo di Vittorio Veneto.

Papa Giovanni Paolo I sarà beato.

Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione per le Cause dei santi a promulgare il decreto riguardante il miracolo attribuito all'intercessione del Venerabile Servo di Dio Giovanni Paolo I (Albino Luciani).

Dopo l'uscita dell'enciclica Humanae vitae, con la quale Paolo VI nel 1968 dichiara moralmente illecita la pillola, il vescovo di Vittorio Veneto si farà promotore del documento, aderendo al magistero del Pontefice. (L'Unione Sarda.it)

Su altri media

Prezioso il contributo delle nipoti di Giovanni Paolo I, Lina Petri e Pia Luciani Era il 23 novembre 2003, a venticinque anni esatti dalla morte di Papa Luciani, quando nella basilica cattedrale di Belluno si tenne in forma solenne l’apertura della causa di beatificazione. (Corriere Delle Alpi)

La modestia che, fin dalla nascita in un’umile famiglia di lavoratori delle montagne agordine, ha sempre contraddistinto Papa Luciani non ha impedito che fosse protagonista di un pontificato che, nonostante la brevità, ha segnato un periodo importante nella vita della Chiesa. (Il Resto del Carlino)

Papa Luciani sarà beato. “Miracolosa” la guarigione di una bambina in condizioni disperate

Ma Albino Luciani rifuggiva i posti d'onore «Ha portato a San Pietro la semplicità e la concretezza della nostra gente ma, nonostante il suo pontificato sia durato soltanto un mese, il sorriso e la dolcezza del suo accento veneto hanno conquistato il mondo. (Corriere Delle Alpi)

È intransigente quando si tratta dell'uso spregiudicato del denaro ai danni della gente, come dimostra la sua fermezza in occasione di uno scandalo economico a Vittorio Veneto che vede coinvolto un suo sacerdote. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr