Lecce, uomo ucciso al bancomat: fermato anche secondo indagato

Lecce, uomo ucciso al bancomat: fermato anche secondo indagato
Sky Tg24 INTERNO

L'uomo è stato ucciso a colpi di pistola lo scorso 16 luglio durante una tentata rapina mentre prelevava contanti dallo sportello di un bancomat insieme alla moglie.

Sottoposto a fermo d’indiziato un 28enne salentino, ritenuto complice del sospettato per l’omicidio di Giovanni Caramuscio.

L'uomo, ex direttore di banca, era stato ucciso a colpi di pistola durante una tentata rapina lo scorso 16 luglio mentre prelevava contanti da un bancomat. (Sky Tg24 )

Su altri media

Lecce, ucciso al bancomat durante una rapina, la moglie: “Me l’hanno ammazzato davanti agli occhi” Omicidio al bancomat di Lecce, la moglie di Giovanni Caramuscio: “L’ho visto crollare davanti a me, fino a un secondo prima scherzavamo in auto, io gli dissi di non aspettare la mattina per fare il prelievo”. (Fanpage.it)

Lecce, uomo ucciso allo sportello del bancomat. Secondo le prime ricostruzioni della vicenda, intorno alla mezzanotte l’uomo si trovava presso uno sportello bancomat di Lequile, Lecce, quando è stato avvicinato da due malviventi, che hanno aperto il fuoco e lo hanno ucciso a colpi di pistola. (News Mondo)

Lecce, ex direttore di banca ucciso davanti alla moglie mentre preleva al Bancomat. Due proiettili vanno a segno e colpiscono l'ex direttore di banca davanti agli occhi impietriti di sua moglie (Fanpage.it)

Lecce, rapina al bancomat: ucciso perché reagisce agli aggressori

APPROFONDIMENTI PUGLIA Ucciso al bancomat di fronte alla moglie a colpi di pistola: fermato. Lecce, ex direttore di banca rapinato e ucciso al bancomat di fronte alla moglie: freddato con due colpi di pistola. (ilmattino.it)

Ricercato un complice del presunto omicida. Giovanni Caramuscio con la moglie Anna Quarta (foto L. Casamassima). MONTERONI (Lecce) - «Ho visto Giovanni crollare a terra, sono corsa verso di lui, ho cercato di aiutarlo a rialzarsi. (Corriere della Sera)

I due avevano i volti coperti dalle mascherine, ma durante la fuga avrebbero lasciato più di una traccia utile alla loro identificazione. Ad aggredirlo sono state due persone che lo hanno sorpreso di spalle mentre stava per utilizzare la tessera bancomat. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr